Parto record: pesa 7 kg una neonata indiana

Scritto da
Parto record neonata 7 kg

Parto record in India

Ogni nascita è un piccolo miracolo della natura, ma ci sono alcuni casi in cui si assiste a dei parti record, come nel caso di parti podalici particolarmente complicati ma per i quali non si è ricorsi al cesareo, o parti gemellari, o parti, come in questo caso, in cui nascono bambini particolarmente corpulenti. A fare tanto scalpore è un parto avvenuto in India pochi giorni fa. A dare alla luce una bella bambina dal peso record, 7,2 kg, è stata una giovanissima donna di soli 19 anni.

In questo caso però si è dovuti obbligatoriamente ricorrere al taglio cesareo, praticato nell’ospedale indiano della città di Hassan e a cui ha assistito il dott. Venkatesh Raju. Lo stesso medico è rimasto sbalordito per questo super neonato, o meglio, super neonata, che è già stata ribattezzata come la neonata più grande del mondo. La “piccola” indiana potrebbe strappare il record che attualmente è di una bimba argentina, Olivia, che alla nascita pesava 6,5 kg. Non è il primo caso in India, solo lo scorso anno, infatti, era nato un bambino di circa 7 kg, stavolta un bel maschietto.

Parto record in Italia

E in Italia? Nel nostro paese siamo già abbastanza preoccupati a mantenere nei livelli di guardia il tasso delle nascite, ma comunque anche noi abbiamo avuto una nascita record nel lontano 1955. Il neonato, un bimbo di 10,2 kg, figlio di tale Carmelina Fedele, fu partorito ad Aversa e segnò il record mondiale di bambino più grande del mondo. A quei tempi, a pochi anni dalla fine della guerra, la nascita del piccolo fu considerata davvero un record dove ancora essere grandi e cicciottelli era considerata una condizione di floridità e benessere anche sociale.

Oggi fortunatamente si sa che i bambini grassocci non sono per forza di cose anche quelli più sani, sebbene lo stereotipo del bambino tondo e roseo sia difficile da scalzare anche dalle pubblicità dei prodotti per l’infanzia.

Condividi il post:

Tags dell'articolo:
· · ·
Categorie dell'articolo:
Notizie dal mondo · Post parto

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *