Mamma e papà devono andare a lavoro: come spiegarlo ai figli

Scritto da
andare a lavoro spiegarlo figli

Per poter comunicare ai propri bimbi che mamma e papà devono andare a lavoro, è opportuno adottare il giusto approccio e spiegare ai piccoli un concetto che può fare paura.

I bambini, infatti, non riescono a capire immediatamente per quale motivo i genitori debbano allontanarsi e rimanere assenti da casa per lunghe ore.

Pertanto, è bene ricercare la modalità più adeguata e comprensibile per il bimbo, affinchè riesca a vivere questo allontanamento nel modo più sereno possibile. Saranno sicuramente inevitabili i capricci e le lamentele fino al rientro a casa dei genitori, ma l’importante è trovare la corretta via di comunicazione.

Mamma deve andare a lavoro: le diverse possibilità di approccio

Esistono diverse possibilità di approccio, a partire da quella che in ambito psicologico viene definita “una verità narrabile”: alcuni genitori ad esempio scelgono di raccontare al piccolo la passione per il lavoro che svolgono, mostrandosi pieni di gioia ed entusiasmo, al fine di far arrivare al piccolo un messaggio totalmente positivo.

Altra possibilità è quella di spiegare che il lavoro è necessario nel mondo degli adulti ed evidenziare ancora una volta gli aspetti positivi, quali ad esempio la possibilità di mettere da parte i soldini che serviranno poi per tanti acquisti, compresi quelli dei giocattoli o di qualsiasi altro regalo per il bimbo.

L’importanza della comunicazione verbale e non verbale

Per spiegare ai bimbi, soprattutto in tenera età, che mamma e papà devono andare a lavoro, è consigliabile utilizzare la dimensione del racconto: in questo modo si può comunicare in modo semplice ed immediato, ricordandosi sempre di associare alla comunicazione verbale anche quella non verbale, fatta di sguardi, espressioni e gesti.

È importante riuscire a suscitare la curiosità dei piccoli, senza lasciarsi frenare da eventuali capricci: il concetto che si deve trasmettere è quello di fiducia e stabilità, facendo la massima attenzione nel contempo a rendere sempre più piacevole il rientro a casa, come momento completamente dedicato alla famiglia, all’ascolto e alla condivisione con i bimbi.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Mamme e lavoro

Commenti

  • I miei piccoli li ho lasciati a mia suocera dall’età di 3 mesi.

    Giada Passerini Giada Passerini 12 settembre 2017 22:27 Rispondi
  • Come renderlo meno traumatico x le mamme???

    Silvia Stella Baccaglini Silvia Stella Baccaglini 12 settembre 2017 22:31 Rispondi
  • E x le mamme?non si può capire.mi viene l’ansia sin da ora solo a pensarci.che strazio.

    Giusy Di Filippo Giusy Di Filippo 12 settembre 2017 22:46 Rispondi
  • Rientrata ieri in ufficio dalla maternità…non è facile…un trauma in primis per noi mamme

    Serena Fanelli Serena Fanelli 12 settembre 2017 22:52 Rispondi
    • Credimi io ho lasciato mia figlia a 4mesi e sono stata nei tuoi panni..ma se i bambini ti vedono nervosa e triste è peggio…l’importante è parlare tranquillizzare i bambini

      Rossella Digiesi Rossella Digiesi 13 settembre 2017 15:19 Rispondi
  • Le mamme italiane rientrano a lavoro quando i bimbi ancora non capiscono quello che succede intorno a loro e questo è davvero tfiste5

    Elisa Tessitori Elisa Tessitori 12 settembre 2017 23:41 Rispondi
  • Rientrata oggi a lavoro . No comment. In questo paese le mamme/donne non sono per niente tutelate . Vige ignoranza tra le donne stesse!

    Cristina Depalma Cristina Depalma 13 settembre 2017 0:27 Rispondi
  • Vale solo per bambini che non sono pii lattanti. Se devi lasciare un bambino di 10 mesi, vorrei proprio vedere come lo.si spiega.

    Tiziana Semerano Tiziana Semerano 13 settembre 2017 0:45 Rispondi
    • Io sono stata malissima a 5 mesi. Ma sono stata fortunata perché facevo solo 3 ore e lui nel frattempo era col papá. Anche se piangeva, ero abbastanza fiduciosa in mio marito.

      Tiziana Semerano Tiziana Semerano 13 settembre 2017 9:26 Rispondi
  • Da quando è nata la mia bimba la porto sempre con me!!!!

    Samantha Grandi Samantha Grandi 13 settembre 2017 6:58 Rispondi
  • Come spiegarglielo quando li lasci al nido,a 12 mesi o prima, per 10 ore,che devi andare al lavoro???

    Paola Bertellini Paola Bertellini 13 settembre 2017 9:52 Rispondi
  • Io rientrata quando mio figlio aveva 10 mesi ancora adesso mi sento in rimorso ad aver perso tutte le cose importanti che fanno le ha viste mia mamma quando lo teneva mia mamma stavo anche un po tranquilla ma cin mia suocera negli lasciar perdere comunque le mamme dovrebbero fino a una certa età avere un assegno dallo stato per poter badare ai propri figli e invece quando sono cosi piccoli ci tocca andare a lavorare che leggi ci soni in Italia nessuna tutela alto che in certi paesi e chi ci rimette sono i bambini che hanno bisogno della mamma

    Mariagrazia Beretta Mariagrazia Beretta 13 settembre 2017 13:45 Rispondi
  • Io penso che è meglio iniziare prima a lavorare e non aspettare l’anno….perche i bimbi si abituano e trovono normale che i genitori vanno a lavorare…è più traumatico quando da un momento all’altro un bimbo si ritrova senza la Mamma tutto il giorno. X noi mamme sarà traumatico sempre lasciarli..ma queste sono scelte di vita che uno fa già quando decide di mettere al mondo un bimbo..cmq anche io faccio come dice questo articolo . Purtroppo nulla è facile con i bambini. I problema è l ‘allattamento

    Rossella Digiesi Rossella Digiesi 13 settembre 2017 15:16 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *