Da quando sei mamma, qual è la cosa più difficile?

Scritto da
cosa più difficile da quando sei mamma

Ieri mattina una mamma sui social lanciava un sondaggio: da quando siete diventate mamme, qual è la cosa che vi riesce più difficile?

Una risposta abbastanza gettonata è stata: tenere la casa.

Ma “tenere” nel senso di fare le pulizie… o di ristabilire la dignità dopo le avventure degli infanti? Perché, nel mio caso, stirare non stiro, lavare a terra non lavo (certo non tutte le settimane, insomma), i vetri hanno visto ben più di due stagioni senza un vetril, e le lenzuola le cambiamo quando diventano beige. Riuscire a intravvedere la fisionomia del salotto sotto un esercito di pupazzi e coperte, stickers, libri e fogli misti, però, è effettivamente impresa ardua che mi costringe a un intervento decisamente frequente.

Altre, variegate, risposte, sono state: uscire la sera (perché, si può uscire?), andare dal parrucchiere (ma non hai perso tutti i capelli in allattamento, tanto?), fare sport (non ti basta correre dietro ai figli?) etc.

La mia, istintiva frase da reduce di operazioni interrotte da Isabelle, è stata: andare in bagno.

Ma, ancora, non sono stata abbastanza realistica. Vogliamo parlare di dormire, fare sesso, fare una doccia, mettersi uno smalto? Eppure… sentivo di mancare il clou, il centro dell’intera questione.

Leggere? Scrivere? Prendere il sole in spiaggia? Quasi.

Ci sono: mangiare senza interruzioni! Fuochino.

Parlare senza interruzioni: sfondi una porta aperta. Ma ancora no…

Metterli tutti d’accordo, fare la spesa senza che i commessi s’incazzino perché i figli prendono le scale mobili al contrario, viaggiare in auto, viaggiare e basta. E che diamine, detta così sembra che la maternità sia una sala di tortura.

Avere un momento da sola, poter stare seduta senza alzarsi ogni minuto. Il silenzio…

Mi arrendo. E il nucleo della questione mi sale a galla senza uno sforzo: poterci non essere. Questa è la cosa più difficile. Poter non rispondere quando ti chiamano a squarciagola e continuano a farlo finché non gli dai ciò che chiedono. Poter non pensare a loro per un attimo. Staccare, per un solo istante, dalla responsabilità.

Riuscire a trovare che, dentro, esiste ancora quella ragazzina che pensava solo a sé stessa. Per un attimo: esistere, pensarsi “senza”. Tanto per rassicurarsi che siamo ancora noi.

Invece la maternità ti scuote nell’epicentro. E, forse, questo potere è il suo miracolo.

Condividi il post:
Categorie dell'articolo:
Mamme Blogger

Commenti

  • vestirmi per uscire..ecco…vestirmi decente intendo:-)

    Valeria de Luca Valeria de Luca 23 marzo 2017 14:02 Rispondi
  • Io direi, occuparmi della casa e di me stessa… Il massimo è una doccetta veloce

    Stefano Mary Jò Stefano Mary Jò 23 marzo 2017 14:04 Rispondi
  • Ehm vediamo . pulire come si deve,riuscire a farmi la ceretta ..come si deve e quando si deve! Cucinare.. Leggere,e dormire!!! E non ricordo se c’è altro…

    Oriana Cosmai Oriana Cosmai 23 marzo 2017 14:22 Rispondi
  • Avere l’aspetto della donna curata che ero prima…

    Laura Scancarello Laura Scancarello 23 marzo 2017 14:26 Rispondi
  • Ritrovare la calma!

    Veronica Novi Veronica Novi 23 marzo 2017 14:49 Rispondi
  • Avere tempo!

    Emanuela Guglielmo Emanuela Guglielmo 23 marzo 2017 14:57 Rispondi
  • La cosa al singolare??? Direi le cose….

    Martina Costarelli Martina Costarelli 23 marzo 2017 15:00 Rispondi
  • Io penso che la cosa più difficile che sia stata da quando sono mamma è quello di riuscire a tenere l’intera famiglia unita e riuscire a tenere i miei figli con i piedi a terra insegnare loro che cosa è giusto e cos’è sbagliato E dare loro una vita equilibrata ma mi rendo conto che non è facile ma se si rimane uniti non è neanche difficile

    Rosa Trapasso Rosa Trapasso 23 marzo 2017 15:02 Rispondi
  • Niente. Perché tutto quello che ho fatto per lui non è nulla, ma proprio nulla, in confronto a quello che lui ha fatto per me.

    Sonia Innocenti Mirri Sonia Innocenti Mirri 23 marzo 2017 15:17 Rispondi
  • Uscire con la mia piccolina da sole, monta smonta trio ovetto navicella porta tutto l occorente( che poi si dimentica qualcosa sempre) aggancia ovetto in macchina smontalo e se dorme fai tre rampe di scale con l ovetto x andare a trovare un amica senza ascensore e quando sei arrivata piange xke vuole tornare a casa

    Sonia Scauro Sonia Scauro 23 marzo 2017 15:19 Rispondi
    • eh ma in macchina sempre nell’ovetto la devi mettere, se si addormenta nn ti metti a fare il trasloco mettendola nella fascia

      Kristina Di Vincenzo Kristina Di Vincenzo 24 marzo 2017 17:32 Rispondi
  • X le altre cose sono Fortunata mi fa fare ancora tutto e di notte dorme ha quasi 5 mesi

    Sonia Scauro Sonia Scauro 23 marzo 2017 15:20 Rispondi
  • Io. Da quando sono diventata mamma sono vissuta per i miei figli. Ora sono grandi e penso. A tante tante cose ma indietro non si può tornare ma voglio dire ha tutte le giovane mamme di avere equilibrio i figli sono la cosa più importante ma anche noi siamo importanti

    Giovanna Morabito Giovanna Morabito 23 marzo 2017 15:22 Rispondi
  • La cosa più difficile da quando ne ho due, é gestirli nei loro sport essendo io stessa una fanatica!!!! Avremmo tanto voluto un terzo bimbo ma la paura di dover rinunciare alle loro passioni per esigenze ci ha fatto ricredere! Sono due ipersportivi…nuoto e calcio per lui e la piccola nuoto e ritmica!!se quel pomeriggio lavoro vado in tilt per organizzare le loro cose…tra nonni e babysitter!!! Ma non é facile!!!!! D altra parte non riuscirei mai a tenerli in casa o ai parchetti….

    Silvia Prosdocimi Silvia Prosdocimi 23 marzo 2017 15:47 Rispondi
  • La vita di coppia

    Ana-Maria David Ana-Maria David 23 marzo 2017 15:52 Rispondi
  • Dormire

    Anita Frida Narcisa Anita Frida Narcisa 23 marzo 2017 16:09 Rispondi
  • Leggere un bel libro sul divano

    Manuela Laiacona Manuela Laiacona 23 marzo 2017 16:10 Rispondi
    • Oddio si…un libro… distesa sotto un albero… quanto mi manca.

      Elena Brugiolo Elena Brugiolo 24 marzo 2017 22:03 Rispondi
  • Aver tempo per pulire e per rilassarmi o per far giardinaggio.. Con due piccoline :-/

    Jessica Je Je Panza Jessica Je Je Panza 23 marzo 2017 16:10 Rispondi
  • dormire, senza ombra di dubbio!! E fare una cosa alla volta!! da quando c’è lui, altro che multitasking!

    Angelica Delasa Angelica Delasa 23 marzo 2017 16:24 Rispondi
  • Eni Bejtja Eni Bejtja 23 marzo 2017 18:06 Rispondi
  • Praticamente tutto…

    Anna Rita Ricciardi Anna Rita Ricciardi 23 marzo 2017 18:10 Rispondi
  • La cosa più difficile? Sopportare tutti quelli che mi dicono: ma come fai? Premetto che ho un’attività commerciale, il pupo lo porto con me ora ha un anno e sono in attesa di un altro? Io non ho problemi …ma sembra invece che la gente se ne fa tantissimi al posto mio….

    Anna Papaluca Anna Papaluca 23 marzo 2017 18:22 Rispondi
    • wowwww meravigliosa super mamma

      Antonella Marino Antonella Marino 23 marzo 2017 23:21 Rispondi
    • Io aggiungerei x quelle persone che si fanno 1000 problemi x noi mamme quando non ce li facciamo noi FATEVI LI CAZZI VOSTRI! Scusate il mio sfogo ma quando ci vuole ci vuole.

      Stefania Leone Stefania Leone 24 marzo 2017 13:15 Rispondi
    • GRAZIE

      Rosa Trapasso Rosa Trapasso 24 marzo 2017 13:45 Rispondi
  • Grattarsi Veronica

    Giada Zanetti Giada Zanetti 23 marzo 2017 18:49 Rispondi
  • Dormire

    Giovanna Leonardi Giovanna Leonardi 23 marzo 2017 20:19 Rispondi
  • Io non dormo serenamente da più di 23 anni

    Giovanna Leonardi Giovanna Leonardi 23 marzo 2017 20:21 Rispondi
  • Separarmi da mia figlia ( non pensavo potesse succedere un tale livello di dipendenza ma è così )

    Gaia Siddiolo Gaia Siddiolo 23 marzo 2017 22:11 Rispondi
  • Inanzitutto leggere, prima leggevo un libro ogni 3/4 settimane.. ora ci viene la polvere sopra la copertina. Poi ricamare, ma è praticamente impossibile, xche vuole tutto ciò che ho io. E fare una doccia senza che lui,nel frattempo, mi allaga il bagno aprendo l’acqua nel bidet. Non mi interessa di farmi docce di un’ora..Ma mi piacerebbe tanto uscire dalla doccia e non trovare x terra un fiume

    Claudia Storai Lalla Claudia Storai Lalla 23 marzo 2017 23:08 Rispondi
  • Dormire una notte intera….

    Michelle Paterno Michelle Paterno 23 marzo 2017 23:15 Rispondi
  • Tenere la casa pulita e in ordine( ma chi se ne frega) e riassumere un aspetto umano!!

    Laura Spiga Laura Spiga 24 marzo 2017 0:34 Rispondi
  • Dormire…..

    Iole De Filippis Iole De Filippis 24 marzo 2017 6:06 Rispondi
  • IDEM da due mesi sono uguale a te…. al maschile

    Silvia Bonaldi Silvia Bonaldi 24 marzo 2017 7:19 Rispondi
  • Andare al bagno ,farsi la doccia, lo shampoo, e mangiare con calma e in orari consoni. Poi non di dorme e quando cala il sonno lei si sveglia per la poppata!!! Ma non importa!!!ce la posso fare!! Auguri a tutte le mamme per l’impegno e l’amore infinito che danno ai propri figli

    Maria Grazia Carchedi Maria Grazia Carchedi 24 marzo 2017 9:37 Rispondi
  • Andare in palestra per adesso mi viene complicato spero di poterci ritornare

    Roberta Longo Roberta Longo 24 marzo 2017 14:10 Rispondi
  • Da quando sono diventata mamma di 2 gemelle è difficile senza l aiuto di mia mamma che x mia fortuna mi è stata sempre vicino…certo è difficile farmi una doccia più lunga del solito…mangiare…ordinare…. ma non m importa…
    Ho 2 splendide bambine e me le voglio coccolare dopo 1 mese in Tin e Ricoveri
    Non rinnego la mia vita di prima assolutamente anzi le avrei volute anche prima…non importa se non esco…
    I loro occhi felici m riempiono il cuore!!!! Amo loro e sono completamente innamorata…1 amore incondizionato…e voglio godermi ogni singolo attimo io non so cosa riserva la vita…ma ad oggi voglio solamente le mie principesse di casa!•♡•

    Manu Franco Catania Manu Franco Catania 24 marzo 2017 16:14 Rispondi
  • Fantastico

    Antonia Matera Antonia Matera 24 marzo 2017 18:21 Rispondi
  • Dormire!!!!

    Stefania Pesce Stefania Pesce 24 marzo 2017 18:24 Rispondi
  • La cosa più difficile…conciliare il lavoro abbastanza impegnativo con casa, compagno e bimba… ma ancora di più capire cosa fare dopo che il mio orario di lavoro tornerà full e oltre il full…

    Elena Brugiolo Elena Brugiolo 24 marzo 2017 22:02 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *