Kit di primo soccorso per bambini. Cosa non deve mai mancare nella borsa di una mamma.

Scritto da

Le mamme lo sanno: i bambini vanno lasciati liberi di esplorare.

Complice la voglia di scoprire e di confrontarsi con il mondo esterno, tra un’avventura e l’altra, può capitare un inconveniente, un inciampo, una caduta o un piccolo infortunio ai danni del piccolo.

Nessuna paura: in caso di lievi incidenti l’importante è mantenere la calma, tranquillizzare il bimbo e medicarlo sul posto.

Ecco gli oggetti di primo soccorso che non devono mancare nella borsa della mamma, per la massima serenità e sicurezza di genitori e figli.

L’infortunio più frequente vissuto dai bimbi direttamente sulla pelle, è il caso di dirlo, sono le cadute: in caso di lievi abrasioni, taglietti o sbucciature, il kit di primo soccorso più smart e pratico, facile da portare con sé in ogni occasione, è composto da cotone idrofilo, una bottiglietta di acqua ossigenata e dei cerotti di varie dimensioni, da quelli più piccoli per le lievi ferite, a quelli più coprenti per riparare le abrasioni più estese.

Se volete rendere il tutto meno spaventoso e sdrammatizzare la situazione, in commercio esistono numerose varianti di cerotti coloratissimi, con simpatici fumetti e celebri personaggi cartoon: un’idea semplice ma efficace per strappare un sorriso al bimbo dopo qualche lacrimuccia!

Non dimenticate di portare con voi anche delle salviette disinfettanti, vere alleate preziose per tutte quelle situazioni in cui è necessario igienizzare mani, corpo e superfici.

In caso di traumi ed urti, per intervenire con tempestività è bene avere con sé una confezione di ghiaccio istantaneo: in pochi gesti, scuotendo il pack, si potrà tamponare l’area contusa del piccolo, avendo cura di avvolgere il ghiaccio con un panno.

Utilissimo in caso di week-end fuori porta, è, infine, il termometro digitale: piccolo, compatto e comodo da infilare in borsa, questo strumento vi permetterà di verificare, in ogni momento, la temperatura del bambino.

Condividi il post:

Tags dell'articolo:
·
Categorie dell'articolo:
Cura del bambino · Ho un bimbo

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *