Fumo: spegnete la sigaretta, non la fertilità!

Scritto da

Volete un figlio? Allora smettete di fumare! Perché le sigarette hanno la perfida capacità di andare a colpire non solo polmoni e pelle, con danni visibili, ma anche la vostra capacità di poter mettere al mondo un pargolo.

Infatti la vita di chi fuma, e parliamo in particolar modo della donne, è costellata di tanti problemi: alcuni di essi sono più evidenti, come si diceva, mentre altri sarebbe difficile anche solo immaginarli. Uno in particolare tra questi aspetti problematici legati alla salute femminile viene tenuto poco in considerazione, e parliamo della fertilità.

Non basta infatti che il fumo aumenti l’incidenza del tumore al polmone, ingiallisca i denti, invecchi la pelle: questo abbassa del 25% la probabilità di poter avviare una gravidanza. Come è possibile? Perché vengono prodotti meno ormoni estrogeni, il ciclo diventa irregolare e la nicotina porta il progesterone a livelli bassi. Come tutte sappiamo, si tratta della sostanza che aiuta l’embrione ad impiantarsi, e se non ne viene prodotto a sufficienza c’è il rischio di andare incontro ad un aborto.

Infine, a tutto questo si aggiunge anche il fatto che il fumo danneggia gli ovuli e quella parte del DNA che consente loro di maturare. In pratica saranno più vecchi di 4-5 anni rispetto alla loro età anagrafica!

Se quindi un corpo dovesse già avere problemi di fertilità, il fumo non farebbe che peggiorare la situazione: se una fumatrice si sottopone ad una procedura di fecondazione assistita, rischia di dover ricevere maggiori quantità di ormoni.

Se quindi desiderate tanto un figlio che fa fatica ad arrivare, provate a pensare se il problema potrebbe essere legato anche al fumo. Certo, buttare una sigaretta per non riaccenderla più è davvero molto, molto, ma molto difficile.

Ma vale la pena continuare a farsi del male, piuttosto che stringere tra le braccia il vostro sospirato neonato?

Condividi il post:

Tags dell'articolo:
·
Categorie dell'articolo:
Cerco un bimbo

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *