Citomegalovirus in gravidanza: esami da fare e prevenzione

Scritto da
citomegalovirus in gravidanza prevenzione

Un recente studio ha dimostrato che sono molte le infezioni da Citomegalvirus che sfuggono agli esami che esistono oggi. Mentre i ricercatori sono al lavoro per cercare di elaborare un vaccino, ecco come prevenire l’infezione causata da questo virus e quali sono gli esami da fare durante la gravidanza.

Come prevenire un’infezione da Citomegalovirus in gravidanza

Per evitare di essere contagiati da questo virus è fondamentale lavarsi le mani più volte al giorno: sembra uno sciocco consiglio ma in realtà è il miglior modo per abbattere drasticamente il rischio di contrarre il Citomegalovirus durante la gestazione. Come accennato prima, non sempre con gli esami attualmente disponibili si è in grado di comprovare o meno la presenza di questo agente patogeno. Inoltre, in presenza del virus, non ci sono strumenti per impedire che il bambino venga contagiato o per evitare le sequele neonatali.

Il Citomegalovirus appartiene alla numerosa famiglia degli Herpes virus. L’infezione si contrae venendo a contatto con i liquidi biologici infettivi come ad esempio la saliva, il latte, il sangue, secrezioni vaginali e liquido seminale. Se il virus viene contratto da una persona adulta avente difese immunitarie nella norma, l’infezione ha un decorso quasi sempre asintomatico. Se però ad ammalarsi è una donna in gravidanza le cose si complicano perché il virus può attraversare la placenta e infettare anche il bambino.

Le conseguenze per il feto possono essere molto serie come l’insorgenza di epatiti, l’ingrossamento del fegato e la carenza di piastrine nel sangue. È un’eventualità rara ma che comunque non può essere trascurata e poiché i bambini di un età compresa fra i 2 e i 6 anni spesso sono portatori di Citomegalovirus in maniera asintomatica e inconsapevole, le donne in gravidanza che hanno già bambini in quell’età o che comunque hanno a che fare con bambini piccolo devono prestare molta attenzione a non baciarli in prossimità della bocca o del naso, di lavarsi sempre le mani dopo ogni cambio di pannolino e di non condividere con lui le stoviglie.

Gli esami da fare in gravidanza

Alcuni ginecologi propongono un test di screening in fase preconcezionale o in gravidanza per ricercare la presenza nel sangue di due immunoglobine che si presentano a distanza di quattro settimane dall’infezione. Se il test è positivo significa che l’infezione è in atto. Effettuando altre analisi combinate è possibile vedere quanto tempo prima sia stato contratto il Citomegalovirus. Lo screening però non è uno degli esami attualmente raccomandati dal Servizio Sanitario Nazionale e quindi il suo costo deve essere sostenuto in toto dalla futura madre

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Esami da fare

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *