7 strategie da adottare se tuo figlio non vuole mangiare

Scritto da
consigli se mio figlio non vuole mangiare

Molte mamme esperiscono il problema del rifiuto totale o parziale del cibo o, almeno, di certi alimenti. Basti pensare che, secondo quanto emerso da una ricerca sulla nutrizione dei minori, 3 bambini su 10 sono selettivi, ovvero si rifiutano di mangiare nuovi cibi (in particolare frutta e verdura) aderendo a una alimentazione assai poco varia. È stato rilevato inoltre che il 50% dei bambini viene sottoposto a visita pediatrica proprio a causa dell’inappetenza.

Ecco di seguito le 7 strategie da adottare se tuo figlio non vuole mangiare.

picky eater

Consigli quando tuo figlio non vuole mangiare

1 – Non forzare i bambini a mangiare un certo alimento

Costringere i bambini a mangiare a tutti i costi può provocare l’effetto contrario: oltre al rifiuto netto da parte del bambino, si rischia di consolidarne l’inappetenza. Va detto, del resto, che anche il tentativo di farli mangiare grazie a delle distrazioni non è corretto: il pasto, infatti, deve essere un momento consapevole.

non vuole la pappa

2 – Variate il menù del bambino

È importante variare il menù del bambino, in quanto in questo modo gli si offrirà una dieta completa di tutti i nutrienti di cui necessita. Per quanto possibile, pertanto, è opportuno proporre pietanze creative e ricche di ingredienti.

svezzamento variare dieta bebè

3 –  Non usate il cibo come ricompensa

Il cibo non deve essere utilizzato come premio per aver eseguito bene un certo compito o per ricompensare un certo comportamento. Questa tecnica, infatti, rischia di far entrare i bambini nel circolo vizioso dell’emotional eating, ovvero un comportamento alimentare per cui il cibo viene inteso non come fonte di nutrizione ma come compensazione emotiva.

cibo come ricompensa bambino

4 – Non arrendersi al primo no

Anche se il bambino ha rifiutato un determinato alimento non significa che offrendoglielo in altri momenti continuerà a non accettarlo. Basti pensare che i gusti dei bambini piccoli si modificano in maniera assai rapida; gli esperti riferiscono che essi impiegano circa 10 o 14 giorni. Per avere più possibilità di introdurre l’alimento desiderato nella dieta del proprio figlio, è consigliabile cucinarlo come ingrediente di una nuova proposta culinaria. Secondo i nutrizionisti dell’età evolutiva, infatti, il consumo ripetuto di un certo alimento educa il gusto del bambino verso quell’alimento.

rifiuto cibo neonato

Leggi gli altri 3 consigli per trasformare la pappa da battaglia a momento felice!

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Guide e Tutorial

Commenti

  • Alessia Zampedri

    Jlenia Bortoletto Jlenia Bortoletto 30 ottobre 2017 18:22 Rispondi
  • Emilio Meglio

    Teresa Battaglia Teresa Battaglia 30 ottobre 2017 19:45 Rispondi
  • Sono una di quelle mamme che ha questo problema! Trovo questo articolo molto inutile e contraddittorio…. di fronte ad una bocca chiusa e a pianti queste 7 strategie servono a poco, anzi a niente

    Valeria Alosco Taylor Valeria Alosco Taylor 30 ottobre 2017 22:26 Rispondi
  • Andres Marquez

    Lissette Rodriguez Lissette Rodriguez 30 ottobre 2017 22:34 Rispondi
  • Mio figlio rifiuta tutto, tranne quelle 3/4 cose di suo gradimento, Serra la bocca, si contorce per sfuggire al boccone di turno, prende a manate il cibo sperando cada a terra per liberarsene! Variare gli alimenti? Serve solo a buttare in pattumiera kg di cibo…e non mi sembra il caso! Io mi sono semplicemente rassegnata, prima o poi mangerà!

    Michela Bollini Michela Bollini 31 ottobre 2017 8:15 Rispondi
    • bravissima mi succede anke a me! e la stessa cosa fa:stringe i denti fa segno con la testa no…dice basta nn ancora incomincio a dargli la frutta gia incomincia a farsi venire le crisi di pianto a lacrime…ma sono cmq cose ke devono essere assunte x la sua salute…

      Lorenza Consalvo Lorenza Consalvo 31 ottobre 2017 14:55 Rispondi
    • Mio figlio beve latte crescita che contiene tutto il necessario per la sua salute, tutto quello che mangia in più lo considero un miracolo! Tranquilla che se stanno male te ne accorgi! Non è il rifiuto della frutta che può creare gravi problemi

      Michela Bollini Michela Bollini 31 ottobre 2017 18:36 Rispondi
  • Pierpaolo Leo

    Chiara Rossetti Chiara Rossetti 1 novembre 2017 17:36 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *