Salvata dal Gaslini la bambina che in Inghilterra era stata definita non più curabile

Scritto da
salvata-dal-gaslini-la-bambina-che-in-inghilterra-era-stata-definita-non-piu-curabile
silvia.migl@peppereppe.com'

Tafida Raqeeb, 5 anni, era stata giudicata incurabile dai medici di Londra, che avrebbero voluto interrompere le cure. La famiglia ha però ottenuto di trasferirla in Italia, dove oggi è in via di riabilitazione.

Tafida Raqeeb: definita incurabile a Londra ma guarita in Italia

La piccola Tafida era stata colpita da un aneurisma cerebrale a 5 anni. Al Royal London Hospital era stata sottoposta ad un intervento e quindi giudicata non curabile.

La famiglia però ha chiesto e ottenuto il trasferimento in Italia, in particolare nell’Ospedale Pediatrico Gaslini di Genova. Qui la prognosi dei medici inglesi si è rivelata errata e Tafida è stata sottoposta ad un altro intervento, stavolta riuscito, iniziando poi lentamente a migliorare.

Oggi, dopo circa 2 mesi di degenza nella struttura ligure, la bambina è stata dimessa dal reparto di rianimazione ed è stata trasferita in una struttura dove dovrà affrontare la riabilitazione.

Shelina Begum, madre di Tafida, ha pubblicamente ringraziato i medici del Gaslini ed è comprensibilmente felice per l’esito positivo delle cure.

L’odissea di Tafida: da Londra a Genova

Dopo la diagnosi dei medici londinesi Tafida avrebbe dovuto subire l’interruzione delle cure. I genitori si sono però opposti e, di fronte all’Alta Corte d’Inghilterra, hanno ottenuto che la bambina fosse trasferita in Italia, dove sarebbe stata ricoverata al Gaslini di Genova per ulteriori cure.

Queste ultime hanno dato i risultati sperati, riaccendendo la speranza dei genitori e dei medici. Ora Tafida non è più ricoverata nel reparto di terapia intensiva e ha iniziato un lungo percorso riabilitativo.

L’obiettivo finale è la possibilità di essere curata direttamente a casa e potersi così finalmente riunire con i propri famigliari. Già oggi Tafida si trova nel cosiddetto “Guscio dei bambini”, un’unità dell’ospedale in cui i genitori possono stare sempre a fianco dei loro piccoli ed avere parte attiva nelle cure e nella riabilitazione dei figli.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *