Mamma a 43 anni dopo sette aborti spontanei: il sogno di Carmela si è avverato

Scritto da
mamma-a-43-anni-dopo-sette-aborti-spontanei-il-sogno-di-carmela-si-e-avverato
info@maternita.it'

Grazie ad un’innovativa cura sperimentale, una donna di 43 anni è riuscita a coronare il sogno della sua vita: diventare mamma. Dopo cinque anni di tentativi e sette aborti spontanei è nata Cecilia, 2 chili di tenerezza e amore puro.

Si affida ad una cura sperimentale dopo aver subito sette aborti spontanei

Carmela e Arturo hanno sempre avuto il desiderio di diventare genitori ma, come spesso capita, la volontà non basta. I coniugi di Mercato San Severino (Salerno) hanno provato per cinque anni a concepire un bambino con l’unico doloroso risultato di subire sette aborti spontanei. La donna di 43 anni, affetta da trombofilia, aveva eseguito trattamenti specifici sia per questa particolare patologia vascolare sia per la fertilità, ma senza successo. Proprio quando stava per perdere ogni speranza, nel 2018, si è recata insieme al marito presso il Centro Mediterraneo Medicina della Riproduzione di Salerno e li ha conosciuto il direttore, Domenico Danza, medico specialista della fecondazione assistita.

Dopo 36 settimane nasce una bimba in ottime condizioni di salute

Il dottor Danza, già noto in campo scientifico per aver fatto nascere nel 1986 uno dei primi bambini in provetta, ha studiato accuratamente il caso di Carmela individuando la principale causa dei ripetuti aborti nel meccanismo di rigetto dell’embrione. Come spiega lo specialista infatti, il feto è composto sia dal patrimonio genetico della madre che da quello del padre; può capitare tuttavia che l’utero materno riconosca come “corpi estranei” i geni paterni e sia indotto per difesa ad espellere l’embrione.
Per tali motivi Carmela è stata sottoposta ad un trattamento innovativo che da un lato ha contrastato la sua trombofilia e dall’altro ha aumentato il grado di tolleranza del feto nell’utero. Grazie anche ai costanti monitoraggi eseguiti dal dottor Maurizio Del Verme, la gravidanza è andata avanti fino alla 36sima settimana. Dopo tale limite lo staff medico ha ritenuto opportuno un taglio cesareo, effettuato presso la clinica ICM di Agropoli. Così è venuta alla luce Cecilia, tenera bimba di circa 2 chili, il sogno più grande di mamma Carmela e papà Arturo.

Tags dell'articolo:
·
Categorie dell'articolo:
News e Gossip