La storia di Miracle, bimbo nato su una nave che presta soccorso ai migranti clandestini

Scritto da
la-storia-di-miracle-bimbo-nato-su-una-nave-che-presta-soccorso-ai-migranti-clandestini
info@maternita.it'

Lo scorso 26 Maggio, a bordo della nave Aquarius, è nato Miracle bambino migrante scampato dai pericoli della Libia e da un faticoso viaggio della speranza nel Mediterraneo. Sbarcati a Catania, mamma e neonato stanno bene.

Una nascita che rappresenta il miracolo della vita

Il problema degli sbarchi clandestini sta diventando un’emergenza a livello europeo sempre più sentita nel nostro Paese. Molte volte però, impressionati dalla quantità, ci si dimentica che dietro i numeri esistono persone, storie ed emozioni.

La vicenda del piccolo Miracle (non a caso il suo nome significa miracolo) è un esempio dolcissimo di come, a volte, la voglia di vivere supera ogni avversità.

Il piccolo infatti è venuto alla luce sabato scorso, alle 15.45 su “Aquarius” nave di soccorso gestita dalla collaborazione tra le organizzazioni umanitarie Medici senza Frontiere e SOS Mediterranee.

Come dichiara l’ostetrica Amoin Soulemane che ha aiutato la giovane madre, il bimbo è venuto alla luce rapidamente dopo poche ore di travaglio e in perfette condizioni di salute: pesa 2 chili e 800 grammi.

Una mamma coraggiosa, fuggita dalla Libia dove era picchiata e tenuta in ostaggio

Quella di Miracle può definirsi senza dubbio una “mamma coraggio“.

Un anno fa, in Libia, è riuscita a fuggire dal suo rapitore che la picchiava, le razionava i viveri e le chiedeva continuamente soldi. Ospitata a casa di un conoscente insieme al suo compagno, mercoledì era pronta ad attraversare il Mediterraneo insieme ad altre cento persone.

Ma, a causa di un imprevisto, il mezzo su cui doveva imbarcarsi ha avuto un guasto lasciando i clandestini sulle spiagge libanesi per 24 ore senza cibo né acqua. La giovane donna incinta è riuscita a partire solo giovedi verso le agognate coste del Mediterraneo con il suo bambino in procinto di nascere. Fortunatamente, di lì a breve, la giovane è stata recuperata da una nave militare italiana che sabato l’ha consegnata alle cure del personale medico e sanitario dell’Acquarius.

Associazioni come Medici Senza Frontiere e SOS Mediterranee svolgono un ruolo fondamentale per salvare vite di donne e bambini fuggiti via mare. Grazie al loro prezioso aiuto Miracle e altre settanta persone sono sbarcate sane e salve a Catania.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
News e Gossip

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.