“La bambola che partorisce e torna subito in forma”: tutti contro MamyMia

Scritto da
la-bambola-che-partorisce-e-torna-subito-in-forma-tutti-contro-mamymia
info@maternita.it'

Una bambola che partorisce e “torna subito in forma” come recita lo slogan che accompagna la pubblicizzazione di questo giocattolo: nelle ultime ore il web nostrano è insorto contro MamyMia, tacciandola come sessista e diseducativa per il messaggio che lancia e chiedendo ai vari negozi di non esporla sugli scaffali.

La bambola che torna subito in forma dopo il parto

Si chiama MamyMia il giocattolo della discordia che nel nostro Paese ha scatenato un polverone sui social network: motivo del contendere è il fatto che questa bambola incinta, come recita la sua confezione, è capace di tornare subito in forma dopo aver partorito. Ad aver sollevato il caso su Twitter è stato Labodif, un istituto di ricerca e formazione da tempo specializzato nell’analisi delle differenze di genere, definendo MamyMia una sorta di “orrore vestito bene”. Infatti a far discutere è soprattutto il messaggio che la stessa bambola lancerebbe, ovvero denigrare i segni che la gravidanza lascia sul corpo delle donne e il fatto che le neomamme debbano essere obbligate a tornare quanto prima in forma in base a determinati canoni estetici.

Le accuse di sessismo e il boicottaggio web

Tra i principali messaggi di sdegno apparsi sui social network ci sono quelli di coloro che considerano sessista il concept stesso della bambola: a loro dire veicolerebbe tra le bambine un ideale di bellezza che non tiene conto dei fisiologici cambiamenti nel corpo di una donna a seguito della gravidanza e anzi presenta un modello estetico volto solo a compiacere il sesso maschile. Alcuni utenti invece si sono lamentati della mancanza di una vera autorità indipendente che valuti se certi giochi possano essere messi o meno sul mercato, minacciando inoltre di boicottare MamyMia e lanciando anche degli hashtag tematici. Dal canto suo Migliori Giocattoli, l’azienda che ha prodotto e commercializzato la bambola, non ha per adesso rilasciato alla stampa alcun commento in merito alla querelle ma da quanto si apprende MamyMia non sarebbe più tra i prodotti in vendita sul suo sito ufficiale.

Categorie dell'articolo:
News e Gossip