Infertilità maschile: gli integratori sono davvero efficaci?

Scritto da
infertilita-maschile-gli-integratori-sono-davvero-efficaci
info@maternita.it'

Secondo un recente congresso su riproduzione ed embriologia, gli integratori a base di vitamina sarebbero del tutto inutili contro l’infertilità maschile e non sarebbero in grado di migliorare la qualità dello sperma.

Infertilità maschile: gli integratori non servono

Integratori a base di vitamina C, D3, E, zinco, acido folico e altri elementi sono stati utilizzati finora per contrastare l’infertilità maschile, ma con scarsi risultati.

Secondo uno studio da poco concluso negli Stati Uniti questi integratori sarebbero effettivamente del tutto inutili. La dottoressa Anne Steiner dell’Università del North Carolina ha presentato il suo studio, condotto su 174 uomini non fertili per diversi motivi.

Dopo 3 mesi di somministrazioni di integratori a base di vitamine sono stati ripetuti gli esami e il conto spermatico: nessuno degli uomini ha dato segno di miglioramento. Si tratta di uno studio incontestabile, che mette definitivamente da parte gli integratori vitaminici come possibile cura o aiuto per l‘infertilità maschile.

Integratori multivitaminici e impotenza maschile

Gli integratori multivitaminici erano consigliati da molti esperti per trattare l’infertilità maschile. L’idea si basava sul fatto che gli uomini fertili hanno un livello più alto di antiossidanti rispetto a quelli infertili. Aumentando gli antiossidanti si pensava quindi di risolvere, almeno in parte, i problemi di fertilità.

Lo studio presentato al congresso annuale della Società Europea Eshre ha invece dimostrato la loro totale inefficacia. Gli uomini trattati negli ultimi anni con questi integratori non hanno ricevuto alcun danno dalla cura errata, visto che le vitamine hanno moltissimi benefici, ma non hanno visto risolto il loro problema. Una volta sconfessato il mito degli integratori, rimane il problema di approntare una cura per l’infertilità sia maschile che femminile, che colpisce in Italia circa il 15% delle coppie.

I dati sono in costante crescita negli ultimi anni e le diagnosi sono dovute a numerosissimi fattori, per cui la possibilità di trovare una super-cura in grado di risolvere ogni problema sono minime.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Vita di coppia

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.