Endometriosi, come scoprirla e curarla?

Scritto da
come scoprire e curare endometriosi

L’endometriosi è una malattia che interessa l’endometrio, il tessuto di rivestimento della cavità uterina, e può presentarsi nelle donne durante l’età riproduttiva, rendendo difficile il concepimento se non è diagnosticata e trattata in tempo. Per evitare possibili complicazioni, vediamo come diagnosticarla e curarla nel modo più opportuno.

Come avviene la diagnosi di endometriosi

Il primo passo verso la diagnosi di endometriosi è quello di rivolgersi al proprio ginecologo per una visita preliminare generale. Questa sarà eseguita attraverso l’anamnesi (colloquio medico-paziente in cui si riferiranno tutti i sintomi presenti) e la visita ginecologica per verificare la presenza di noduli o cisti negli organi genitali. In un secondo momento, invece, sarà necessario sottoporsi ad altri esami più approfonditi per confermare la diagnosi. Il medico, quindi, eseguirà un’ecografia e, talvolta, potrà consigliarvi anche di effettuare una TAC e una risonanza magnetica, così da escludere altre patologie. Nella conferma della diagnosi, inoltre, potrà essere d’aiuto anche un esame del sangue che servirà a individuare una proteina specifica (detta CA125), presente in alte concentrazioni nelle donne affette da endometriosi. Ad ogni modo, l’unico test in grado di diagnosticare la malattia è la laparoscopia, che permette non solo di visualizzare chiaramente gli organi coinvolti (ovaie, tube, utero) ma anche di intervenire direttamente sulle lesioni, asportandole per via chirurgica.

Come curare l’endometriosi

L’unica strada percorribile nel trattamento dell’endometriosi è quella chirurgica poiché le cure ormonali utilizzate fino a pochi anni fa non si sono dimostrate efficaci nella risoluzione del problema, che veniva solo attenuato ma non risolto. Nella cura del disturbo, quindi, è possibile sottoporsi a tre tipi diversi d’intervento:

  • la laparoscopia (il metodo più diffuso e meno invasivo degli altri);
  • la laparotomia (indicata solo quando l’endometriosi è molto estesa o colpsce regioni non altrimenti raggiungibili con la laparoscopia);
  • e, più raramente, la robotica (più precisa della prima ma meno frequente in quanto prevede l’impiego di macchinari non sempre disponibili ngli ospedali italiani).
Tags dell'articolo:
· ·
Categorie dell'articolo:
Salute del bambino

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *