Che malattie avremo? Ce lo dice il mese di nascita

Scritto da

Qualcosa come un oroscopo della salute, dopo aver indicato (per chi ci crede) la strada verso l’amore o il successo lavorativo, le stelle pare custodiscano anche il segreto del nostro benessere fisico: più che i segni zodiacali, a predire salute e malattie di cui potremmo ammalarci è il mese di nascita. Parola dei ricercatori della Columbia University di New York. 

Gli studiosi hanno preso in esame un campione composto da 1 milione e 700 mila persone, con l’obiettivo di cercare correlazioni fra il mese di nascita e la tendenza a sviluppare determinate patologie. I più scettici dovranno ricredersi: le correlazioni esistono, e per 55 malattie sulle 1668 prese in esame si tratta di correlazioni forti, che non possono essere frutto della semplice casualità.

Come si presenta, dunque, questo particolarissimo calendario della salute? Dai risultati pubblicati sul Journal of the American Medical Informatics Association i nati in gennaio sono i più esposti al rischio ipertensione, mentre chi compie gli anni a febbraio rischia più degli altri problemi di aritmia cardiaca. Se il vostro mese è marzo, attenzione alle malattie cardiovascolari e all’arteriosclerosi; mentre ad aprile aumenta il rischio angina pectoris.

La salute più forte è quella dei nati da maggio ad agosto, che in questo zodiaco della salute sono decisamente i più sani. Chi invece è nato a settembre deve guardarsi dall’asma, mentre le nascite a ottobre e novembre espongono a iperattività e influenza. Infine, se siete nate a dicembre dovrete – ahimè – fare i conti con problemi dell’apparato respiratorio e bronchiti.

Tutto può sembrare piuttosto bizzarro, certo, ma se lo studio arriva da eminenti ricercatori la riflessione è d’obbligo. E voi cosa pensate di questo legame fra calendario e medicina? Guardando alla vostra storia medica e a quella di amici e parenti potrebbe esserci un fondo di verità?

 

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Curiosità

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *