Come riempire la calza della Befana

Scritto da

Non abbiamo neanche finito di preoccuparci dei regali di Babbo Natale, che noi mamme dobbiamo già iniziare a pensare a cosa mettere all’interno della calza della Befana!

Come riempire la calza della Befana?

Giocattoli, dolci, un po’ di frutta … Quello che c’è di sicuro è che i regali della Befana sono meno ricchi di quelli di Babbo Natale, ma altrettanto apprezzati.

La tradizione vuole che la vecchina che vola sulla sua scopa la notte dell’Epifania porti solamente dolci, ma nessuno ci vieta di infilare nella calza anche qualche giochino. Vediamo insieme qualche idea per riempirla!

Dolci fatti in casa

Perché non riempire la calza dei nostri bambini con dei buoni dolcetti fatti da noi? Ci sono tante idee di facile realizzazione: il carbone dolce, le caramelle mou, i lecca – lecca, i marshmallows, le gelatine … Prima di metterli nella calza ci si può divertire a fasciarli con delle belle carte colorate!
In alternativa si potrebbero mettere dei vasetti con gli ingredienti per preparare dei biscotti insieme o una torta.

Frutta secca

Anche la frutta secca è un buon “ingrediente” per la calza della Befana. Ricordo che, da bambina già grandicella, ero contenta di trovare nella mia calza le arachidi, ma nessuno vieta di metterci dentro anche la frutta disidratata, scegliendone magari dei tipi più dolci come l’ananas, le albicocche o la papaya. Potete anche infilarci un paio di madarini (freschi però!)

Il video della settimana

Come riempire la calza della Befana senza dolci

Se però il bambino a cui è destinata la Calza della Befana è ancora molto piccolo e non può mangiare cioccolatini e caramelle, oppure per scelta personale decidiamo di proporre ai bambini una calza più “salutare”, ecco qualche idea per farli felici senza zuccheri aggiunti!

Giocattoli e cancelleria

Tenendo sempre bene a mente che la Befana non è Babbo Natale, e quindi non porta regali enormi e costosi, si può benissimo pensare di riempire la calza dei propri bambini con qualche piccolo giocattolo.
E qui c’è solo l’imbarazzo della scelta: piccoli peluches, macchinine per i maschietti, braccialetti, collanine o perline per le bambine, ma anche libri da leggere da e da colorare, figurine, pastelli a cera, pennarelli e matite colorate o altro materiale scolastico come gomme e temperini e così via.

Si sa la Befana non ha le stesse disponibilità economiche di Babbo Natale e quindi potrà portare solo giocattoli economici ma non per questo meno divertenti: biglie, trottole, bolle di sapone, adesivi, corda per saltare, palloncini.

Piccoli oggetti utili

Capita a volte che la Befana pensi a qualcosa di utile che serva ai bambini (e alle loro mamme) come ad esempio mutandine, ma del personaggio dei cartoni preferito, idem per lo spazzolino da denti o il vasino per imparare a fare la cacca. Alle bimbe potrebbero far piacere mollette per capelli o elastici, mentre ai maschietti dei lacci per le scarpe fosforescenti; per chi invece ha ancora qualche problema ad addormentarsi da solo, una torcia o una luce notturna a forma di animale potrebbe risultare un ottimo regalo!

Tempo insieme

Perchè non pensare a dei biglietti per vedere un film al cinema insieme o per una visita all’acquario della città o ad un parco tematico?
In base agli interessi dei bambini si potrebbe pensare a delle attività da svolgere assieme e inserire dei ticket (veri o anche disegnati da noi) spendibili nelle settimane successive per passare del tempo di qualità con loro.
Può essere anche una gita al mare o una visita ad una fattoria, nel caso di bambini molto piccoli!

Categorie dell'articolo:
Alimentazione · Creare con i bimbi

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.