Stufatino al forno per bimbi

Scritto da

Stufatino al forno

Dosi per 4-6 mini porzioni

1/2 cucchiaio di olio extravergine di oliva
1 cipolla piccola
1 patata piccola
1 carotina
1 zucchina
50 gr di lenticchie secche
50 gr di fagioli cannellini* da mettere precedente in ammollo
300 gr circa di brodo vegetale

Note
* Si possono utilizzare anche i fagioli borlotti, ma i cannellini risultano più morbidi e facilmente cucinabili dopo dopo l’ammollo e, anche di sapore leggermente più.

Mettere in ammollo i cannellini in abbondante acqua calda per almeno sei ore (meglio se dieci, perciò si consiglia di sfruttare tutta una notte; in modo che la mattina sia pronti ad essere cucinati).
Rabboccare spesso l’acqua, anche perché in parte viene assorbita dal legume. E’ inoltre consigliabile sciacquarli e cambiare l’ammollo almeno una volta, in modo da pulire l’acqua dai detriti e depositi. Se si volessero accelerare i tempi di ammollo è possibile cuocere i cannellini in poca acqua e una volta raggiunto il bollore farli riposare per circa un’ora.

Preparazione

Terminato l’ammollo sciacquare bene i cannellini, farli scolare dall’acqua e se è il caso tamponarli delicatamente con carta assorbente da cucina. Pelare la carota, lavarla e tagliarla in 3-4 pezzi. Lavare la zucchina, eliminare le estremità e tagliarla a fette spesse.
Sbucciare la patata, lavarla con cura e tagliarla in 4 parti

Soffriggere la cipolla precedentemente sbucciata e lavata nell’olio fino a che non assume un colore dorato.
Disporla in una teglia da forno di medie dimensioni e unire i legumi, le verdure e il brodo.
Infornare fino a quando i legumi e, soprattutto i fagioli non siano cotti e molto morbidi (indicativamente 50/60 minuti)
Togliete dal forno e lasciare raffreddare.
A questo punto, a seconda dell’età del bambino, potete frullare lo stufatino oppure schiacciarlo leggermente con la forchetta.
Il quantitativo di avanzato è consigliabile conservarlo in frigorifero, meglio se in mini contenitori monodose e comunque da consumare massimo entro 2-3 giorni.

Condividi il post:

Tags dell'articolo:
Categorie dell'articolo:
Ricette

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *