Spermatozoi “al fresco” contro l’infertilità maschile

Scritto da
qualità spermatozoi infertilità maschile

In cinquant’anni la qualità degli spermatozoi è andata via via peggiorando e gli esperti ancora non sanno a cosa dare la colpa perché di cause ce ne sono a bizzeffe, dai cattivissimi stili di vita all’inquinamento. Fatto sta che la vitalità delle cellule maschili per antonomasia si è ridotta del 50% e urge una soluzione.

Infertilità maschile: conservare gli spermatozoi prima che sia troppo tardi

Secondo alcuni ricercatori che si sono concentrati sull’allarme spermatozoi, la soluzione ideale è di congelarli a tempo debito, prima che sia troppo tardi. La proposta, avanzata da alcuni scienziati a un recente congresso sulla riproduzione umana, prevede di sottoporsi a un test in giovane età per valutare la qualità degli spermatozoi e procedere poi alla loro conservazione. Quest’idea, già al vaglio in altri Paesi, permetterebbe così di rispondere a due esigenze differenti: consentire ai giovani uomini che vorrebbero diventare genitori di poter procreare e, al contempo, risparmiare sui futuri trattamenti di fecondazione assistita, di cui probabilmente avranno bisogno, vista la continua e inarrestabile discesa della fertilità maschile. Fra l’altro il costo medio per un esame base del liquido seminale è abbastanza irrisorio (circa 10 euro) e permette di rintracciare eventuali patologie e curarle in tempo o, di procedere alla conservazione se l’esito è negativo. 

Infertilità maschile: in crisi anche le banche del seme

Dai dati diffusi da alcune banche del seme, infatti, sembra proprio che questa sia la triste realtà e molti medici lamentano di dover scartare fino a nove donatori su dieci a causa della pessima qualità del seme. Proprio per questo l’unica alternativa possibile per far fronte a questo evento sembra quella di criogenizzre gli spermatozoi a 18 anni, ovvero nel periodo di maggiore vitalità. Secondo le statistiche, infatti, oggi l’età media per diventare papà si aggira intorno ai 36-37 anni, un periodo critico per il vigore delle cellule riproduttive maschili che di certo non facilita una gravidanza, sia in modo naturale che ricorrendo alla procreazione medicalmente assistita.

Categorie dell'articolo:
Concepimento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *