Bambini e punizioni: ma servono davvero?

Scritto da

Ormai diciamocelo: tutto quello che viene messo in rete ha la stessa possibilità di diventare virale. E così, è stata sufficiente la punizione di una mamma ed una figlia che assolve il compito in maniera creativa, per far sì che il post pubblicato venisse condiviso da migliaia di persone. 

Bambini e punizioni: ma servono davvero?

La piccola Isabella, 6 anni, deve aver combinato qualcosa a scuola. Una volta tornata a casa la madre la punisce mettendola a scrivere su di un foglio “Farò scelte migliori”. Una cosa decisamente noiosa, ma che la bambina realizza in maniera veloce e creativa: il risultato è che il foglio di carta ha fatto il giro del mondo.

Una non–notizia, in pratica, ma che ci permette di riflettere sul senso delle punizioni ai bambini: ma servono davvero?

Bambini e punizioni: cosa significa mettere in punizione

In genere la punizione al bambino viene vista come un modo per modificare un comportamento sbagliato. Ci sono punizioni fisiche come la sculacciata, di privazione, come togliere un gioco o la televisione, di costrizione, come il mandare il bambino in camera sua.

Se il bambino non fa i compiti, se disturba a scuola, se è disordinato, spesso si ritiene di punirlo per modificare il suo modo di fare. E se invece il bambino tentasse di attirare la nostra attenzione o quella della maestra con i suoi comportamenti? O se magari pensasse che un giorno senza tv vale non dover rimettere a posto la stanza?

Non solo: se il piccolo ci vede sempre reagire con strilla e magari schiaffi e sculaccioni, non penserà forse che quello è l’unico modo di affrontare i problemi?

Bambini e punizioni: meglio un atteggiamento più costruttivo

Cercate magari di tenere l’atteggiamento opposto: lodate il bambino quando fa qualcosa di buono, e spingetelo quindi a capire che determinati comportamenti sono più positivi di altri.

Ricordate che picchiare il bambino e chiuderlo in una stanza buia perché ha fatto qualcosa di male, non lo aiuterà a riflettere, ma a far sì che la prossima volta cerchi di ingannarvi per evitare la punizione.

Bambini-e-punizioni

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Educazione/psicologia

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *