Mastite: da Aosta una nuova tecnica per combatterla

Scritto da
mastite-da-aosta-una-nuova-tecnica-per-combatterla
staff@maternita.it'

Sono molte le neomamme (ma non solo loro) che durante il loro allattamento hanno dovuto fare i conti con una patologia a carattere infiammatorio che può essere estremamente dolorosa: la mastite.



Nell’ospedale di Aosta, però, è stata creata una nuova tecnica terapeutica in grado di contrastare, e combattere, questa debilitante patologia femminile che coinvolge principalmente le neo mamme, ma non solo.

Il protocollo clinico dell’ospedale di Aosta

La terapia creata all’ospedale Beauregard di Aosta consiste in una anestesia localizzata finalizzata per ridurre l’infiammazione, e il conseguente dolore, che provoca la mastite durante l’allattamento.

Per la prima volta al mondo, al seno di una paziente primipara di circa trenta anni, che soffriva da due settimane di una mastite bilaterale che le aveva provocato lesioni profonde e dolorose su entrambi i seni, le è stato somministrato un farmaco anestetico direttamente in loco regionale.

Questa tecnica è stata condotta da parte dei ginecologi e ostetrici in collaborazione con i medici appartenenti al reparto di Rianimazione e di Anestesia.

Che cosa ne pensano gli specialisti

La descrizione di questo specifico protocollo clinico è stata pubblicata su Regional Anesthesia & Pain Medicine, una delle più importanti riviste scientifiche del settore, ed è stato scaricato e letto da moltissimi professionisti: infatti, sono circa 1500 i professionisti, specialmente provenienti dagli Stati Uniti.

Questa tecnica, commentano i medici che l’hanno creata, è stata attuata per la prima volta al mondo, e i risultati ottenuti sono stati molto rapidi ed efficaci.

È stato proprio grazie all’utilizzo dell’anestetico, in maniera locale, che si è potuto ottenere una graduale diminuzione dei dolori, con una progressiva e costante diminuzione dei livelli infiammatori. Grazie a questo la madre, in meno di due giorni, è potuta tornare ad allattare al seno normalmente il proprio bambino.

Tags dell'articolo:
· ·
Categorie dell'articolo:
news