Obbligo dei vaccini: il Codacons contro la legge

Scritto da
vaccini codacons contro la legge

Durante le settimane scorse è stato a lungo dibattuto il tema relativo all’obbligo vaccinale su tutto il territorio nazionale per i bambini che vogliono frequentare gli asili nido e le scuole. Sono tante le persone favorevoli a questo nuovo eventuale obbligo ma sono anche tanti quelli che non hanno alcuna intenzione di vaccinare i figli per permettergli di frequentare la scuola.

Vaccini obbligatori per frequentare la scuola: il Codacons contrario

Il Codacons, dal canto suo, ha messo in luce come questo provvedimento sarebbe in netto contrasto con la giurisprudenza del nostro paese. I genitori contrari alle vaccinazioni potrebbero inoltrare un gran numero di ricorsi che sistematicamente verrebbero tutti accolti.

Dopo l’incontro che c’è stato fra il Codacons, le Regioni e il Ministero della Salute, si è arrivati alla conclusione che ci sia la necessità di elaborare rapidamente una legge attuabile su tutto il territorio nazionale. I tribunali però già si sono espressi in maniera negativa in merito all’obbligo delle vaccinazioni per l’ingresso nelle scuole pubbliche.

Vaccini obbligatori: la proposta di legge

Fra le ultime sentenze emesse c’è quella del tribunale dei minorenni di Bologna che ha stabilito che i genitori non abbiano alcun obbligo di far vaccinare i figli per mandarli a scuola. Nel caso in cui venisse formulata una legge a carattere nazionale in merito all’obbligo vaccinale, sarebbero in molti i genitori a rivolgersi ai tribunali.

Vaccini obbligatori, cosa dice il Codacons

La questione sui vaccini è ancora aperta e gli esperti stanno vagliando differenti possibili soluzioni. Il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, ha messo in luce anche altre problematiche relativi ai vaccini esavalenti. Fino al momento il Codacons ha infatti raccolto centinaia di segnalazioni da parte di famiglie che denunciano reazioni avverse proprio all’esavalente, talvolta anche gravi. Tutte le segnalazione attualmente vengono studiate da una commissione di medici esperti nel settore. 

Categorie dell'articolo:
Salute del bambino

Commenti

Rispondi a Emanuela Fattorossi Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *