Vampate di calore in gravidanza: perché succede?

Scritto da
vampate di calore in gravidanza

Siamo abituati a considerare le vampate di calore come uno dei sintomi più frequenti di un periodo particolare al femminile e cioè la menopausa. Quell’improvvisa sudorazione, intensa e fastidiosa, si manifesta diversamente da donna a donna e privilegia la fine dell’età fertile, ma non esclude altri periodi particolari della vita di una donna, manifestandosi infatti anche in gravidanza.

Le vampate di calore in gravidanza sono frequenti

Quell’improvviso calore che viene da dentro, la fronte imperlata di sudore, il viso che diventa paonazzo. La paura di svenire da un istante all’altro. Non bastava la nausea mattutina, l’acidità di stomaco, la stanchezza. Ora arrivano anche le vampate di calore in gravidanza! Ma da cosa dipendono? La vampata di calore in gravidanza può far male al piccolo? Cerchiamo di dare qualche risposta a un fenomeno che in realtà è più frequente di quanto si pensi.

Una delle cause è il digiuno prolungato che abbassa il livello del glucosio sotto il valore minimo. Inoltre gli sbalzi di temperatura corporea sono dovuti anche dalla produzione ormonale e dal metabolismo che è accelerato in questo periodo. Niente di preoccupante o rischioso, dunque, ma che va comunque tenuto sotto controllo.

Rimedi per le vampate di calore in gravidanza

Per sopportare meglio quella sensazione di calore improvvisa che arriva quando meno te lo aspetti, ci sono alcuni rimedi efficaci. Innanzitutto bisogna tenere il corpo ben idratato bevendo acqua ma anche tisane. Ottime le tisane allo zenzero che riducono anche la nausea.

Evitate di appesantirsi durante i pasti principali per non rendere la digestione troppo difficile ed evitate di coprirvi troppo o fare sforzi sotto il sole durante le ore più calde. Cercate di rinfrescarvi spesso bagnando i polsi con l’acqua fredda o la fronte con un fazzoletto inumidito.

A fine giornata una doccia rinfrescante è proprio quello che ci vuole per evitare di soffrire anche durante il riposo notturno.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Gravidanza

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *