Storia di un bimbo che non può parlare e del suo cane sordo

Scritto da
storia del bimbo che non può parlare e del suo cane sordo

Che i cani siano speciali non è una novità, che con i bambini manifestino una pazienza enorme, è altrettanto risaputo, ma spesso sono ancora più speciali di quello che crediamo. Lo testimonia questa bellissima storia di Connor, un bimbo muto, ed Ellie, la sua cagnolina sorda.

Connor ed Ellie, il bimbo che non può parlare e il cane sordo

Connor Guillet è un bimbo affetto da una malattia genetica che gli impedisce di parlare. Per farlo stare meglio, la sua famiglia gli ha regalato Ellie, una cagnolina sorda. Nessuno avrebbe mai immaginato che il piccolo Connor avrebbe stretto un legame molto intenso con lei, quasi simbiotico.

Da quando è nato, Connor comunica soltanto con il linguaggio dei segni. Inaspettatamente, la cagnolina ha cominciato a rispondere al linguaggio del bambino.

Il post che ha fatto conoscere la loro storia

In un post di Facebook Brandi, la mamma, scrive: “ Ho adottato mio figlio appena nato, sapendo che soffriva di una malattia genetica. Ora ha sei anni ed è muto. Comunica con il linguaggio dei segni. Stavamo dando un rifugio temporaneo a una cagnolina sorda e abbandonata. Lei è incredibile con mio figlio, è la cagnolina più dolce e amabile che esista. Ma la cosa bella è che mio figlio e la cagnolina parlano tra loro”. Poi la donna invita a tutti ad adottare cani sordi: “Era quello che mancava nella nostra famiglia. Ellie è stata una benedizione”.

Connor ed Ellie, una storia diventata virale

Brandi ha condiviso il suo pensiero sulla pagina Facebook “Love what matters” ein brevissimo tempo il post è diventato virale: più di 57.000 mi piace e 4600 condivisioni.

Ora i due sono inseparabili. Connor ha trovato una compagna di giochi che lo capisce al primo sguardo e lo accompagna ovunque e che gioca con lui. Dal suo canto Ellie, dopo tante sofferenze ha finalmente trovato una casa in cui vivere e sentirsi amata. E questa è proprio una storia a lieto fine.

Tags dell'articolo:
·
Categorie dell'articolo:
Bimbi "speciali"

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *