Stanza del sale: perché serve ai bambini

Scritto da

La stanza del sale offre un gran numero di vantaggi a tutti quei bambini che soffrono di problemi respiratori più o meno importanti. Se in ogni stagione dell’anno vostro figlio è costantemente raffreddato o spesso ha la tosse, potrebbe avere riscontri benefici e risultati duraturi con la stanza del sale. Secondo uno studio molto recente, questi luoghi aiutano ad attenuare i problemi respiratori e a risolverli talvolta in maniera definitiva.

Che cos’è la stanza del sale

La stanza del sale racchiude in sé tutti i benefici del trattamento al cloruro di sodio abbinati all’aerosol. Infatti la terapia prevede la permanenza in una stanza interamente ricoperta di sale sia sul soffitto, che sulle pareti e sulla superficie del pavimento. All’interno di questo ambiente così particolare c’è anche un dispositivo che nebulizza le particelle di cloruro di sodio in modo tale che il bambino possa inalarne una buona quantità assieme a particelle di iodio.

La stanza del sale serve ai bambini?

I benefici apportati dalla stanza del sale sono stati studiati da un team di ricercatori che lavorano presso l’università di Bari ed è stata pubblicata sulla rivista scientifica di pediatria più importante in assoluto ovvero l’International Journal Pediatric Otorhinolaryngology. Gli esperti hanno tenuto sotto osservazione un nutrito gruppo di bambini che spesso aveva problemi di carattere respiratorio con lo scopo di valutare i benefici apportati dalla stanza del sale.

I vantaggi della stanza del sale per i bambini

Dalle analisi effettuate è emerso che a distanza di sole due settimane dall’inizio del trattamento, i bambini che avevano problemi respiratori hanno mostrato un evidente miglioramento del loro stato di salute. Questo tipo di terapia aiuta a fluidificare il muco e ne facilita l’espettorazione. I disturbi respiratori sono frequenti i n età pediatrica quando il sistema immunitario ancora non è maturo. Ricorrere alla stanza del sale significa guarire prima da queste problematiche, diminuire la frequenza delle ricadute e evitare di assumere troppi farmaci.

Condividi il post:

Tags dell'articolo:
· ·
Categorie dell'articolo:
Salute del bambino

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *