Sindrome del tunnel carpale in gravidanza: cause e rimedi

Scritto da
sindrome del tunnel carpale gravidanza

La sindrome del tunnel carpale è un’infiammazione che colpisce il nervo mediano e può presentarsi anche durante la gravidanza.

Sindrome del tunnel carpale: perché si presenta in gravidanza?

La sindrome del tunnel carpale si presenta quando il nervo mediano si ritrova compresso tra il legamento del carpo e i tendini delle prime tre dita della mano; questa condizione determina dolore al polso e gonfiore alla mano

Questa sindrome interessa soprattutto le persone che, per lavoro o per sport, sollecitano frequentemente le articolazioni, ad esempio sollevando pesi o utilizzando per lungo tempo la tastiera di un computer. 

Le donne tendono ad andare incontro più di frequente a questo tipo di infiammazione e le probabilità aumentano se è in corso una gravidanza. 

Quali sono le cause della sindrome del tunnel carpale?

Anche se in questo periodo i tendini e le articolazioni sono più sensibili, sembra che la vera responsabile di questa sindrome sia la ritenzione idrica, che tende a comparire negli ultimi mesi di gestazione. 

Tra i principali sintomi, che tendono a peggiorare durante la notte, ci sono formicolio, intorpidimento e dolore al polso.

Come si cura la sindrome del tunnel carpale 

Quando viene diagnosticata la sindrome del tunnel carpale ci si preoccupa perché, in alcuni casi, per risolvere il problema è necessario sottoporsi ad un intervento chirurgico. In realtà, l’intervento è necessario solo nei casi più gravi, cioè qualora i sintomi persistano per almeno 6 mesi e non migliorino con la terapia prescritta. 

In cosa consiste la terapia? Solitamente, il medico prescrive dei corticosteroidi e l’applicazione di una fascia o di un tutore, che consentono di ridurre al minimo le sollecitazioni; per i casi più lievi, sarà sufficiente una fascia elastica che ricopra il polso, mentre per quelli un po’ più gravi sarà necessario un tutore che impedisca al polso di muoversi. 

Categorie dell'articolo:
Disturbi · Gravidanza

Commenti

  • Dillo a me sono due mesi che non dormo dal dolore….mamma mia che palle!!!!

    Oana Madalina Oana Madalina 16 maggio 2017 11:13 Rispondi
  • Speriamo guarda …..

    Oana Madalina Oana Madalina 16 maggio 2017 11:13 Rispondi
  • Anche io ragazze.. Troppo brutto doloroso. Ho pianto per quasi due mesi. Poi ho comprato i tutori che almeno. La notte mi facevano. Riposare. Adesso che ho partorito da due settimane solo formicolio. Speriamo passi tutto. Mi hanno detto che sono gli ormoni della gravidAnza.

    Marcella Bianchi Marcella Bianchi 16 maggio 2017 11:23 Rispondi
  • Anch’io mai sofferto, ma in gravidanza mi è spuntato questo dolore atroce,non capendo il motivo; Appena a gennaio ho partorito, è scomparso,non so’ più che cosa vuol dire questo dolore, passerà ragazze , state tranquille.Buona giornata.

    Andrea Storaci Andrea Storaci 16 maggio 2017 11:31 Rispondi
    • Io soffro da 7 mesi….non passa mia cara. Non passa

      Imma Graziano Imma Graziano 16 maggio 2017 11:57 Rispondi
    • Passa passa ..dopo il parto! In piccole percentuali non passa e peggiora e dovrai per forza operarti

      Silvia Bandinu Silvia Bandinu 16 maggio 2017 16:15 Rispondi
  • presente! prima gravidanza..intervento dopo 5 mesi alla dx..seconda gravidanza..sono in lista x la mano sx..purtroppo peggiora e basta!

    Cristiana Leonardi Cristiana Leonardi 16 maggio 2017 11:34 Rispondi
  • Ne ho sofferto dal sesto mese in poi, non dormivo la notte, è passato una settimana dopo aver partorito

    Mariella Lasio Mariella Lasio 16 maggio 2017 12:16 Rispondi
  • Anch’ io ne ho sofferto e tra la pancia enorme che non potevo muovermi e il dolore alle mani, ho passato gli ultimi mesi di gravidanza insonni e poi il bimbo…pfff non dormo da mesi!!!!!

    Debora Bondatti Debora Bondatti 16 maggio 2017 13:31 Rispondi
  • Dopo la nascita. ..ho avuto problemi

    Iolanda Corradengo Iolanda Corradengo 16 maggio 2017 15:19 Rispondi
  • Fausta Cimmino

    Paola Alfarano Paola Alfarano 20 maggio 2017 5:31 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *