10 scuse dei bambini per non andare a dormire

Scritto da
Dieci scuse dei bambini per non dormire

Quante volte care mamme, non vedete l’ora che arrivi sera per rilassarvi e dedicare un po’ di tempo a voi stesse? Dopo una dura giornata tra lavoro, marito, figli e impegni vari, infatti, non desiderate altro che quel dolce momento in cui vi ritrovate sole con voi stesse per fare ciò che più vi piace: leggere un buon libro, godervi in streaming il film che non siete riuscite a vedere al cinema o guardare l’ultimo episodio della vostra serie tv preferita. Ma proprio nel momento in cui state per approfittare della vostra “oasi di pace”, udite d lontano una vocina lamentosa che richiama la vostra attenzione: si tratta di vostro figlio che ha l’ennesima scusa pronta per non andare a dormire.

Le scuse per non dormire più ricorrenti dei nostri bimbi

Ma quali sono le scuse più ricorrenti utilizzate dai bambini per rimandare il momento della nanna? Di seguito ve ne forniamo un elenco delle 10 scuse più gettonate:

1 – C’è un mostro sotto il letto (oppure nascosto nell’armadio o sul balcone)

2 – Mi rifiuto di andare a dormire se non ci vai anche tu (generalmente questa scusa è pronunciata con fare minaccioso e impertinente)

3 – Ho bisogno di sentire ancora una favola altrimenti non riesco a prendere sonno

4 – Ho dimenticato di dare da mangiare al mio bambolotto

5 – Ho dimenticato di raccontarti una cosa importantissima che mi è capitata oggi a scuola

6 – Ho troppe cose nella testa che mi impediscono di avere sonno (questa è la scusa che più vi raggela, in quanto vi convince del fatto che vostro figlio non abbia 6 anni, ma quasi 40)

7 – C’è un ragno in camera (a questo punto vi chiedete se l’aracnofobia non sia per caso ereditaria!)

8 – Mi duole il piede, la testa o la pancia (ma dall’espressione beata stampata sul suo viso vi potrete rendere conto che il piccolo gode di ottima salute)

9 – Non ho spazzolato bene i denti

10 – I capelli mi finiscono sugli occhi

Quale tra quelle elencate, care mamme, è la scusa preferita dal vostro piccolo?

Condividi il post:
Categorie dell'articolo:
Nanna

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *