Arriva il primo asilo nido in casa di riposo!

Scritto da
il primo asilo nido in casa di riposo

Arriva anche in Italia un nuovo esperimento che ha riscosso tanto successo in America: il primo asilo nido in una casa riposo. Per la prima volta anziani e bambini insieme!

Bambini e anziani insieme: l’asilo nido in casa di riposo

Il rapporto tra nonni e nipoti è davvero speciale, forte e benefico per entrambi. La casa dei nonni è un vero e proprio rifugio per i più piccoli dove i bambini si sentono protetti e guidati. Al tempo stesso, essere nonni è un dono meraviglioso, che porta una ventata di freschezza e vitalità e che riempie di gioia non solo le loro giornate ma anche i loro cuori. E forse sarà stato proprio per questo motivo che a Seattle l’istituto Providence Mount St Vincent, nato come casa di riposo per 400 anziani con un’età media di 92 anni, è diventato anche asilo per 125 bambini dai 3 ai 5 anni. Oggi, in questa scuola, i genitori fanno addirittura a gara per accaparrarsi un posto!

Asilo nido in casa di riposo: un luogo di scambio generazionale, culturale ed educativo

Questo progetto è stato presentato anche in Italia, più precisamente a Piacenza, dove è stato aperto il primo asilo nido in una casa per anziani per dare vita ad esperienze che giovano sia ai più piccoli che agli anziani. La differenza della scuola italiana, rispetto all’asilo di Seattle, sta nel fatto che i bambini sono più piccoli, con un’età che va dai 6 mesi ai 3 anni, l’obiettivo però è sempre lo stesso. Pittura, cucina, musica, ballo e tante altre attività possono essere svolte sia dai piccoli, che impareranno divertendosi, sia dai meno giovani, che si manterranno più energici. Insomma un vero e proprio luogo di incontro sociale, culturale ed educativo ma anche di scambio dove la giovanissima età trae giovamento della presenza dell’altra e viceversa.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Cura del bambino

Commenti

  • Meglio che i bimbi…stiano con i bimbi
    N con i nonni ….
    Nn condivido sta uscita…….
    Ci sono nonni che usano metodi sbagliati…e sono troppo occhio qui è occhio la” ..e ad un bambino nn va bene un bimbo deve giocare deve sfogarsi …

    Mara Pellizzer Mara Pellizzer 26 marzo 2017 18:04 Rispondi
  • Non penso che gli anziani abbiano una tale energia per gestire bimbi così piccoli…

    Luisa Calabrò Luisa Calabrò 26 marzo 2017 18:21 Rispondi
  • Ma se il 70 % dei bambini li tengono i nonni … poi vedendo le generazione di ora…. meglio i nonni va..

    Gricel Acharan Gricel Acharan 27 marzo 2017 11:19 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *