Un padre che fa il padre non è un “Mammo”!

Scritto da
padre non mammo

Se un padre cambia i pannolini e contribuisce all’accudimento del figlio, non è certo da considerare un “mammo” o, comunque, un padre speciale, ma semplicemente un uomo che vive come dovrebbe la propria paternità. Con estrema amarezza, infatti, va rilevato che ancora oggi non si può parlare di parità genitoriale a tutti gli effetti.  Le stesse donne che affermano con orgoglio che il proprio marito le aiuta con i figli o con le faccende domestiche, non fanno altro che alimentare questa discriminazione di genere, sottintendendo che si tratta di una eccezione che conferma la regola.

Un padre non è un mammo!

Fermo restando che il rapporto mamma-neonato costituisca una relazione privilegiata, tuttavia è pur vero che sin dall’inizio è importante che il padre instauri immediatamente col piccolo un rapporto speciale, distinguendosi da tutte le altre persone che orbitano intorno alla vita del bambino. Egli, in altri termini, non deve limitarsi a essere una figura autoritaria che provvede al sostentamento economico della famiglia, in base a un obsoleto e antiquato schema patriarcale, ma deve piuttosto rappresentare un sostegno  emotivo per l’infante. Il padre, in altri termini dovrebbe svolgere un ruolo complementare a quello della mamma in ogni singola fase della crescita del piccolo.  

Smettiamo di dire che il papà dà una mano facendo il mammo

Dire che il papà del proprio figlio “aiuta”, significa sottintendere che svolge un compito che sostanzialmente non gli spetta. Se un papà cambia i pannolini, prepara la pappa al bimbo e poi lava anche le pentole, non vuol dire che generosamente sta dando una mano alla propria compagna, cui questi compiti spettano necessariamente; significa semplicemente che sta facendo il suo dovere di padre, contribuendo, in tal modo, a crescere un bambino consapevole e sicuro di sé.

Smettiamola, dunque, di definire “mammo” un papà che si occupa del proprio piccolo e cominciamo a promuovere, nelle nostre case e nella nostra quotidianità, la parità di genere. 

Condividi il post:
Tags dell'articolo:
· ·
Categorie dell'articolo:
Cura del bambino · Vita di coppia

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *