Nuova Zelanda: tatuaggi per bimbi in ospedale

Scritto da
Tatuaggi temporanei per bimbi ricoverati in ospedale in Nuova Zelanda

Benjamin Lloyd: il tatuatore dei bambini

In Nuova Zelanda, i bambini ricoverati in un ospedale di Auckland da oggi hanno un’occasione in più per ritrovare il sorriso, almeno per un po’. Ecco come!

L’idea è venuta qualche tempo fa all’artista e tatuatore Benjamin Lloyd. Attraverso un post lanciato su facebook aveva annunciato che, ricevendo almeno 5 like, avrebbe regalato tatuaggi gratis ai bambini ricoverati allo Starship Children’s Hospital di Auckland. Il suo post ha avuto così tanto successo, da ricevere più di 400 mila like!

Tatuaggi temporanei per bimbi ricoverati in ospedale

E, così, la sfida ha avuto inizio! Benjamin, tatuatore da poco, ma sorretto da un grande talento, si è recato in ospedale “armato” di tutti gli attrezzi del mestiere e chiedendo ai piccoli pazienti il loro soggetto preferito, si è messo all’opera per riprodurlo sul loro corpicino. L’inchiostro per realizzare i tatuaggi (naturalmente temporanei) era rigorosamente atossico e anti allergico, per evitare qualsiasi tipo di reazione indesiderata. A opera terminata, la felicità dei bambini era la stelle, sentendosi trasformati in veri supereroi!

Basta poco, in fondo, per far felice un bambino, ancora di più se si tratta di un piccolo paziente ricoverato in ospedale. L’iniziativa di Benjamin Lloyd è davvero lodevole, e facendo leva sul fascino che i tatuaggi hanno sui bambini, ha saputo regalare loro un sorriso e distoglierli per qualche ora dalla difficile situazione in cui si trovano.

Iniziative di volontariato per bambini malati

D’altra parte sono molte, in ogni parte del mondo, le iniziative gratuite di volontari o professionisti per cercare di far sorridere i bimbi in ospedale, spesso ricoverati per lunghe degenze. Il fatto di essere lontani dalla propria casa, dai propri giochi, dal proprio ambiente famigliare non è facile per gli adulti…figuriamoci per i bimbi! Qualsiasi occasione per renderli felici è davvero un atto di grande altruismo. 

Categorie dell'articolo:
Notizie dal mondo · Per il tuo bambino

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *