Non sente l’incubatrice: licenziata un’infermiera

Scritto da
perugia licenziata infermiera incubatrice
info@maternita.it'

Un’infermiera del reparto di terapia semi-intensiva neonatale dell’ospedale di Perugia è stata licenziata in tronco, e ‘senza preavviso’.

Non sente l’incubatrice durante il turno di notte: infermiera licenziata in tronco

Il licenziamento dell’infermiera è scattato nel momento in cui si è accertata la negligenza della professionista: scattato l’allarme di una delle incubatrici, ha risposto in ritardo all’emergenza, e tra le ipotesi spunta anche quella che la donna possa essersi addormentata sul posto di lavoro. L’allarme è rientrato, fortunatamente senza gravi conseguenze, grazie all’intervento di due infermiere del reparto adiacente che sentivano il suono prolungato. Dal canto suo l’infermiera, che nega di aver dormito, ha già presentato ricorso contro il licenziamento.

Infermiera dorme durante il turno di notte: esistono le prove?

Non è chiaro se l’infermiera, ormai prossima alla pensione, sia stata sorpresa a dormire durante il turno di notte dello scorso ottobre. Quello che è certo, è che nel reparto di neonatologia dell’Ospedale di Perugia sia stato trovato un materasso, dove probabilmente l’infermiera prendeva le sue pause dal lavoro. 

Per fare chiarezza sulla vicenda è stata aperta anche una verifica da parte dei carabinieri del Nas che hanno sequestrato tutti i documenti, mentre il neonato che quella notte venne soccorso, fu poi venne trasferito al Meyer di Firenze.

Condividi il post:
Categorie dell'articolo:
Notizie dal mondo

Commenti

  • A casa mettiamo i competenti basta mala sanità

    Susy Lamanna Susy Lamanna 15 febbraio 2017 19:26 Rispondi
  • I neonati non bisogna lasciarli mai da soli anche se sonno in ospedale .Hanno solo fatto bene a licenziarla si Dorme a casa

    Patrizia Iannotti Patrizia Iannotti 15 febbraio 2017 19:35 Rispondi
  • Hanno fatto bene cosi imparano quell’s altri che devono stare svegli. Si dorme a casa ma non ha lavoro.

    Viqtoria Airapetova Viqtoria Airapetova 15 febbraio 2017 19:42 Rispondi
  • Mia figlia è stata ricoverata in quel reparto ed ha avuto mille attenzioni e tutte le cure di cui aveva bisogno…. Evidentemente c’era però una mela marcia ed è caduta dall’albero…complimenti all’ospedale che non ha coperto nessuno ed è subito intervenuto

    Chiara Zeppetti Chiara Zeppetti 15 febbraio 2017 20:26 Rispondi
    • Anche la mia piccola è stata li x un bel po…..ma io non posso dire che bene….sono tutti eccezionali e di una grande umanità

      Federica Pascolini Federica Pascolini 15 febbraio 2017 21:10 Rispondi
  • Se penso che le mie nipotine gemelle nate premature e sono state in terapia sub intensiva e per noi era un pensiero continuo. Per fortuna erano assistite con cura e professionalità.

    Sabrina Marchisio Sabrina Marchisio 15 febbraio 2017 20:27 Rispondi
  • Dovrebbero essere licenziate tutte le persone che nn hanno voglia di fare il loro lavoro come chi timbra e se ne va che schifoooooooooo

    Patrizia Giammarino Patrizia Giammarino 15 febbraio 2017 20:55 Rispondi
    • Indubbiamente ma quando si ha a che fare con la vita di una persona, è ancora più grave

      Chiara Sunshine Chiara Sunshine 16 febbraio 2017 0:21 Rispondi
    • Purtroppo lo so bene ho il mio papa malato e ogni volta che va in ospedale è una tragedia ………paraplegico senza letto…….lasciamo stare devo sempre LITIGARE c è troppo menefrechismo…….come dici tu sono persone:-(

      Patrizia Giammarino Patrizia Giammarino 16 febbraio 2017 0:24 Rispondi
  • E successo qualcosa con il bambino?

    Elena Alina Elena Alina 15 febbraio 2017 21:53 Rispondi
  • Hanno fatto bene a licenziata

    Gabriele Silvana D Gabriele Silvana D'Alessandro 16 febbraio 2017 10:48 Rispondi
  • Ma come sta il bambino!!!

    Stefania Leni Stefania Leni 16 febbraio 2017 13:07 Rispondi
  • Le mele marce via subito da ogni ospedale .E ce ne sono tante

    Tiziana Capaccioni Tiziana Capaccioni 16 febbraio 2017 13:49 Rispondi
  • E ke non venga piu riassunta da nessuna parte….. Le macchine suonano e i bimbi hanno bisogno anche solo di non essere trascurati…

    Annarosa Scavullo Annarosa Scavullo 16 febbraio 2017 21:05 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *