Il nido oncologico dell’ospedale di Torino

Scritto da
asilo nido oncologico torino

Nessuno di noi vorrebbe sentire di un bimbo malato e costretto a lunghe degenze ospedaliere, ma quando questo purtroppo succede, la lunga permanenza in ospedale deve essere alleviata non solo al piccolo stesso ma anche ai genitori, che portano in carico la sofferenza di un figlio malato e costretto a terapia.

Pochi mesi fa è partito un interessante progetto presso il nido del Reparto di Oncoematologia pediatrica dell’ospedale Regina Margherita di Torino, il primo del genere in Italia.

Percorsi ludico-ricreativi al nido oncologico per i piccoli malati

I pazienti ricoverati da 0 a 3 anni hanno a disposizione un nido oncologico dove i bambini seguono un percorso ludico-ricreativo. Costretti alla degenza per malattia, i piccoli possono contare su un posto bellissimo, colorato, divertente dove giocare ma anche distrarsi un po’.

Le educatrici li accompagnano in questo percorso fatto di giochi singoli o di squadra, di disegni, ma anche di momenti di apprendimento e sviluppo psicomotorio e del linguaggio. Un’idea interessante e resa subito concreta grazie a Intesa Sanpaolo che ha fornito i giochi, l’arredo e il personale. Un progetto pilota destinato a divulgarsi su tutto  il territorio: a settembre aprirà un nido presso l’ospedale Santobono di Napoli e in autunno al San Gerardo di Monza. Un percorso importante per i piccoli e per i genitori perché l’oncologia pediatrica è sofferenza ma a essa si deve sopravvivere.

Il nido oncologico, un supporto per tutta la famiglia

Ogni anno il tumore colpisce 1400 bambini e ragazzi al di sotto dei 14 anni. In Italia si contano 53 centri specializzati. Di questi  piccoli pazienti, il 20 – 25%  ha meno di tre anni e l’iter terapeutico non è semplice e spesso dura più di un anno.  In questo percorso il centro ospedaliero prende in carico tutta la famiglia che spesso viene da lontano. Il nido oncologico è accogliente non solo per i piccoli degenti ma anche per i genitori, che così ricevono un grande supporto per rendere queste lunghe giornate meno noiose e angoscianti.

Categorie dell'articolo:
Per il tuo bambino

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *