Imparare dai bambini a vivere al meglio!

Scritto da
imparare dai bambini a vivere bene

Imparare dai bambini a vivere al meglio ogni giornata è possibile. In che modo? Osservare come trascorrono il loro tempo aiuta gli adulti a dare il giusto valore a momenti, attimi, emozioni.

Imparare dai bambini a lasciare da parte lo stress

Fare una pausa, dimenticare per un minuto doveri e adempimenti giornalieri aiuta a godersi i giorni appieno, senza essere per questo meno “grandi”. Perché i doveri di lavoro, casa e famiglia  impegnano le giornate totalmente, fanno diventare ogni secondo della vita frenetico e veloce, tanto da renderlo stressante.

Questo non succede invece ai bambini, che dopo aver fatto i compiti si concedono un momento di riposo o amano perdere tempo per le cose più “leggere”. Giocano spensierati, fanno merenda con calma, danno attenzione a un oggetto senza guardare l’orologio. Desiderano, amano e vivono pienamente la vita.

Gli adulti ragionano all’opposto: ogni secondo della giornata ruota attorno a uno scopo da raggiungere e questo fa perdere loro spontaneità e serenità, che si traduce in stress o disagio.

Imparare dai bambini a godersi la vita

Esiste quindi un segreto per godersi la vita e vivere più spensierati? La risposta ce la danno i bambini che con la loro saggezza ci insegnano quanto sia importante la semplicità. Spogliarsi “dei panni dei grandi” aiuta a essere più sereni. Staccare la spina e vivere un po’ di sano riposo completa il quadro del proprio benessere.

Per imparare dai bambini a godersi la vita serve poi un altro ingrediente: mostrarsi per quello che si è con spontaneità e leggerezza. Non nascondere le proprie emozioni, evitare di sentirsi fragili solo perché si affronta un momento di debolezza è deleterio per la mente e per il corpo.

Sostituire la fragilità di un adulto con la spontaneità di un bambino aiuta ad affrontare la vita con il sorriso senza crearsi inutili paranoie, senza pensare al giudizio altrui e imparando a  trascorrere le giornate con più naturalezza.

 

Condividi il post:
Categorie dell'articolo:
Educazione/psicologia · Ho un bimbo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *