Enuresi nel bambino: quali le cause?

Scritto da

L’enuresi è uno dei problemi più fastidiosi che possono affliggere i nostri figli, da quando iniziamo a togliere loro il pannolino. Non solo infatti ci costringe a continui risvegli notturni, ma provoca nel bambino insicurezza, sonno interrotto e grandi fastidi.

Quali sono le cause dell’enuresi? Secondo recenti studi effettuati dal prof. Steve J. Hodges del dipartimento di Urologia del Wake Forest Baptist Medical Center potrebbe esserci un nesso tra costipazione ed enuresi.  Infatti negli studi fatti su un campione di ragazzi tra i 5 e i 15 anni che avevano questo problema, una volta risolta la stitichezza, nell’80% dei casi si è risolta anche l’enuresi. Per sempre! Ma cosa succede? Ovviamente se i bimbi hanno difficoltà ad andare in bagno, lo spazio riservato alla vescica diventa più piccolo e questo può provare gli episodi di pipì a letto.

Se quindi vostro figlio soffre di entrambi questi problemi, potreste iniziare a cambiare l’alimentazione, aggiungendo fibre, frutta fresca, ma soprattutto cotta che ha un effetto lassativo.

Se però nonostante tutto la situazione non si risolve, parlatene con il pediatra, anche se l’età è un importante discrimine. Fino a 4 o 5 anni potete prendere la cosa con più tranquillità, vigilando magari sulla quantità di liquidi che vostro figlio assume nel corso della serata, e prendendo l’abitudine di mandarlo a fare pipì prima di cena.

Se però la cosa continua ancora oltre quell’età, è il caso di fare un controllo degli elettroliti nel sangue, per vedere se potrebbe trattarsi di un diabete insipido. Infatti questa malattia costringe il corpo a produrre più urina e i reni non riescono a filtrarla bene. anche un’ecografia ai reni può aiutare a vedere se ci sono infezioni o malformazioni.

Se però anche in questo caso la risposta è negativa, iniziate a interrogarvi se c’è qualcosa che può turbare vostro figlio al punto da portarlo all’enuresi.

Condividi il post:

Tags dell'articolo:
·
Categorie dell'articolo:
Salute del bambino

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *