Dopo il parto: mamme chioccia o mamme stakanoviste?

Scritto da

C’è chi, dopo il parto, decide di ritagliarsi un momento di stop dal lavoro, per dedicarsi al 100% alla nuova avventura di maternità e chi, per necessità o indole, a poche settimane dal lieto evento è già tornata alla scrivania.

Due approcci diversi, che accomunano non solo le donne normali, ma anche quelle VIP.

Due casi agli antipodi, ad esempio, sono le storie di Ilaria D’Amico e Michelle Hunziker.

La prima, in attesa di una femminuccia dal portierone della nazionale Gigi Buffon, ha recentemente dichiarato ad un noto settimanale femminile di non voler ripetere l’esperienza frenetica avuta con il primo figlio, Pietro, frutto di una precedente relazione.

Era il 2010, e Ilaria, conduttrice di spicco dei programmi sportivi targati Sky, era di fronte ad una scelta: concedersi una pausa per godere della maternità, o presidiare l’evento per eccellenza, come i Mondiali di Calcio.

Al tempo Ilaria scelse la carriera e a poche settimane dal parto era già tornata a presidiare gli studi televisivi.

Questa volta, però, sarà diverso. La seconda maternità, l’età più adulta e la voglia di coccolare la famiglia allargata, hanno spinto Ilaria ad annunciare che per almeno 6 mesi si ritirerà dalle scene, per immergersi nel magico mondo della maternità.

Accanto ad una futura mamma che pregusta il tempo di qualità insieme alla sua famiglia, c’è chi riesce ad armonizzare maternità e vita professionale. Come Michelle Hunziker, che ha sorpreso tutti (e scatenato anche qualche polemica) quando nel 2013, in attesa della sua seconda figlia, la piccola Sole, oltre ad aver lavorato fino agli sgoccioli della gravidanza si è presentata nuovamente in tv 4 giorni dopo il parto.

Un modello di dinamismo? Un pessimo precedente per i diritti delle donne? L’opinione pubblica si è divisa in due. La conduttrice di Striscia, che a soli 7 mesi dalla nascita di Celeste, la terza figlia avuta con Tomaso Trussardi, mostra già un nuovo pancino sospetto, si è difesa, dichiarando che la conduzione per lei è solo un divertimento e non un vero lavoro.

E voi? Come avete vissuto la vostra maternità? In relax, o on-the-run? Raccontatecelo!

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Educazione/psicologia

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *