Dislessia e DSA: riconoscerli prima della scuola

Scritto da
dislessia dsa come riconoscerla prima della scuola

La dislessia coinvolge circa il 2% dei bambini in età scolare ed è l’incapacità di leggere in maniera fluente e corretta un testo. Chi soffre di questo disturbo riesce con fatica a focalizzare le lettere di una parola e quindi non ne riconosce subito il significato nonostante abbia un quoziente intellettivo e una capacità di apprendimento nella norma o talvolta superiore alla media.

Dato che è un disturbo strettamente collegato alla lettura, la diagnosi viene effettuata quasi sempre in età scolare. È possibile però individuare alcuni campanelli d’allarme prima dei sette anni d’età?

Come riconoscere dislessia e DSA prima che inizi la scuola

La logopedista ed esperta in sda Francesca Caviglia, sostiene che individuare precocemente il problema non sia affatto cosa semplice. La familiarità dovrebbe però mettere in guardia poiché spesso, dietro a un bambino con dislessia, ci può essere un genitore con pregressi disturbi del linguaggio o con un dsa.

Verso i quattro anni del bambino, i genitori potrebbero notare un ritardo nella riproduzione corretta di alcuni suoni o addirittura la sostituzione di suoni con altri: ad esempio una P scambiata con una F e così via. Se a quattro anni non riesce a  memorizzare la sequenza di numeri da uno a dieci, è necessario monitorare con più attenzione il bambino.

Diagnosi precoce della dislessia nei bambini: l’importanza del logopedista

Stessa cosa vale quando non controlla bene lo spazio del foglio. Messo dinnanzi a un foglio bianco, si mette a colorare sempre nel medesimo punto. In questo casi è meglio prima sottoporlo a una visita oculistica per verificare se ha 10/10 di vista e successivamente sottoporlo all’attenzione di un logopedista.

Già nel periodo prescolare si possono notare comportamenti anomali soprattutto riguardanti la sfera dell’apprendimento. Per evitare una diagnosi tardiva della dislessia o degli altri dsa è sempre meglio portare il bambino da un logopedista  affinché possa effettuare una eventuale diagnosi del problema. 

Condividi il post:
Categorie dell'articolo:
Educazione/psicologia · Salute del bambino

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *