La Culla per la Vita arriva anche a Taranto

Scritto da
culla-per-la-vita-taranto
info@maternita.it'

Inaugurata la “Culla per la Vita” nell’ospedale di Taranto 

Nell’ospedale di Taranto è stata da poco inaugurata la “culla per la vita” dove le madri possono riporre i neonati non desiderati nella privacy più assoluta e in totale anonimato. La struttura si trova situata all’esterno dell’ospedale “Santissima Annunziata” di Taranto e nasce per combattere l’infanticidio, l’aborto ma soprattutto l’abbandono dei nascituri.

Una culla per donare una nuova vita ai neonati abbandonati

La culla è dotata di sensori che rilevano la presenza del neonato nella culla, azionando la videosorveglianza a distanza con il personale medico e al tempo stesso l’impianto di areazione e riscaldamento, il tutto per proteggere il piccolo.  La presidente dell’Abio Onlus, Deborah Cinquepalmi, spiega che in questo modo potrebbero essere salvati tutti quei neonati abbandonati vicino ai cassonetti e dar loro una vita migliore con la possibilità di essere adottati dalle migliaia di coppie in attesa.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Notizie dal mondo

Commenti

  • Meglio che abbandonare un figlio, pensateci bene.

    Filomena Zito Filomena Zito 9 gennaio 2017 18:08 Rispondi
  • E bellissima questa cosa almeno non li buttano piu nella spazzatura

    Michelina Ruggiero Michelina Ruggiero 9 gennaio 2017 18:38 Rispondi
  • Si manda avanti una gravidanza e poi si riesce con sangue freddo ad abbandonare la creatura…come si può. …dopo tutti i sacrifici che si fanno…per carità

    Elena Cadoni Elena Cadoni 9 gennaio 2017 18:57 Rispondi
    • Meglio questo che ucciderli con l’aborto…la vita di un bambino non può dipendere dalle scelte di un’altra essere umano

      Alessandra Floridia Alessandra Floridia 9 gennaio 2017 22:29 Rispondi
    • Assolutamente d’accordo. …dicevo quando vengono gettati nella pattumiera ….lasciati morire di fame…ci sono un sacco di coppie che vorrebbero dei figli e non possono…il mondo è strano…

      Elena Cadoni Elena Cadoni 9 gennaio 2017 22:36 Rispondi
    • Elena Cadoni questo mi dispiace tanto per te…..dovrebbero facilitare le adozioni….con questo metodo direbbero la possibilità a più bambini di vivere e a più famiglie di avere bambini adottati….

      Alessandra Floridia Alessandra Floridia 10 gennaio 2017 8:31 Rispondi
    • Verissimo Alessandra

      Olga Blazhko Olga Blazhko 10 gennaio 2017 8:44 Rispondi
  • Bella iniziativa da espandere in ogni ospedale

    Flora Campagna Flora Campagna 9 gennaio 2017 20:50 Rispondi
  • Una prostituta o tossico dipendente lo fa.Quando ho partorito mia figlia
    c’era una bimba che in pratica questa ha rotto le acque al supermercato gente hanno chiamato ambulanza anche se lei non voleva la portano al ospedale tempo di partorire questa fugge via era una tossicodipendente

    Olga Blazhko Olga Blazhko 10 gennaio 2017 8:47 Rispondi
  • Mi sembra cosa impossibile abbandonare un figlio!È il dono più bello che Dio può fare a una donna

    Marvy Pietribiasi Marvy Pietribiasi 10 gennaio 2017 11:35 Rispondi
  • Sinceramente la forma non mi piace l idea è apprezzabile ma più fantasia.

    Gina DeSimone Gina DeSimone 10 gennaio 2017 11:42 Rispondi
  • Iniziativa lodevole..almeno questi piccoli tesori avranno più fortuna…Però come una donna possa arrivare ad abbandonarli…Questo no…non lo capiro’ mai.

    Angela Scarpelli Angela Scarpelli 10 gennaio 2017 16:09 Rispondi
  • Mi fa molta tristezza che ce ne sia bisogno…Ma credo che sia meritevole da parte dell’ospedale donare un’occasione in più a quei bimbi che non ne avrebbero una.

    Jennifer Gaspari R Jennifer Gaspari R 10 gennaio 2017 16:25 Rispondi
  • Bella questa iniziativa…..ma da quasi mamma non potrei mai pensare di abbandonare la mia piccola, anche se sono tempi duri e si fatica ad andare avanti a livello economico, non capisco come si possa arrivare ad un gesto simile

    Agnese Scaltritti Agnese Scaltritti 10 gennaio 2017 19:49 Rispondi
  • Voeu des jumeaux s ils plaies à dieu

    Adja Ndeye Ngom Adja Ndeye Ngom 11 gennaio 2017 21:31 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *