Le domande più frequenti sulla coppetta mestruale

Scritto da
coppetta_mestruale_domande frequenti

Sai cos’è la coppetta mestruale? L’hai mai usata? Di seguito alcune tra le più frequenti domande e risposte in merito a questo piccolo oggetto tanto innovativo quanto ecologico, vuoi scoprirla con noi?

Domande e risposte sulla coppetta mestruale

Cos’è la coppetta mestruale?

La coppetta mestruale è un recipiente (a forma di campana) che si colloca all’interno della vagina durante il ciclo mestruale. Questa coppetta si usa come i tampax, ma non assorbe liquidi. Il sangue vi si deposita all’interno poi si estrae dalla vagina e si svuota.

Come faccio a scegliere quella più adatta a me?

La coppetta mestruale si vende di varie misure. Il consiglio che si dà è quello di sceglierla in base al flusso e alla propria vagina. Per donne che hanno già avuto figli dovrebbe andare bene la misura M o L, mentre per chi non ha mai partorito si consigliano le misure S o M.

Sono allergica al lattice, posso usare la coppetta?

Certamente, le coppette sono fatte di vari materiali: silicone anallergico, silicone platinico ed elastomero termoplastico (TPE). Non contengono PVC e sono sicure. Scegli il materiale che ti rende più tranquilla.

Risparmierò acquistando la coppetta mestruale?

Non solo risparmierai tu, ma anche la natura. La coppetta mestruale la acquisti una volta e la usi per tanti anni. Quindi il risparmio è in denaro, ma anche in ecologia, perché non getterai via assorbenti, difficili da smaltire.

È difficile da indossare?

Non è difficile da indossare, ma inizialmente bisogna prenderci mano. Quindi, soprattutto per le prime volte, non perdere la calma, prova con tranquillità senza spazientirti e se può farti stare più sicura indossa anche un assorbente, nel caso fosse posizionata male.

E le infezioni?

 Essendo fatte con materiali appositi, l’ambiente è sfavorevole ai batteri, quindi puoi stare tranquilla. Certo è che la coppetta va regolarmente disinfettata per mantenerla igienizzata. Basta inserirla qualche minuto in acqua bollente. Inoltre non si conoscono casi di Sindrome da Shock Tossico, a differenza degli assorbenti interni.

Posso usarla di notte?

Sì, ovviamente. In base al flusso la coppetta può essere indossata dalle 4 alle 12 ore. Può contenere circa 30 ml di liquido e molte donne si accorgono di avere un flusso molto meno abbondante di quello che credevano.

Attenzione: non è un mezzo contraccettivo e va tolta durante i rapporti sessuali!

 

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Bellezza e Benessere

Commenti

  • Atroce da usare e soprattutto togliere

    Eden Prairie Eden Prairie 5 marzo 2017 13:57 Rispondi
  • Io ne ho sentito parlare bene, ma non so se.lo userei…

    Michela Giacomin Michela Giacomin 5 marzo 2017 14:29 Rispondi
  • Come fai quando la togli?la svuoti nel water e poi la sciacqui sotto il rubinetto e la rimetti?o ne porti una dietro scorta quando 6 in giro?io mai provata e per me non sembra tanto igienica,soprattutto se sei in giro e vai in un pagno pubblico

    Nadia Brighenti Nadia Brighenti 5 marzo 2017 15:05 Rispondi
    • Non hai nessun contatto con il sangue, perché per toglierla basta che tu dai una piccola spinta del bacino verso il basso come per espellere.. poi con l’ estremità delle dita la prendi e la svuoti nel bidè e la lavi con acqua e detergente intimo, poi la rimetti. La puoi svuotare anche ogni 5 ore senza nessun problema

      Angela Innocenti Angela Innocenti 6 marzo 2017 13:28 Rispondi
    • si, ma se ti trovi in giro e hai necessita’ di cambiarla ne porti una di scorta dietro?io preferisco gli assorbenti classici mi spiace

      Nadia Brighenti Nadia Brighenti 6 marzo 2017 16:10 Rispondi
  • Anche io vorrei provarla…ne sento parlare benissimo…

    Debora Barilaro Debora Barilaro 5 marzo 2017 15:34 Rispondi
  • Pessima!
    Mai più!

    Alis Luli Alis Luli 5 marzo 2017 17:02 Rispondi
  • Lory Ludo

    Samuel Franca Ghirello Mingardi Samuel Franca Ghirello Mingardi 5 marzo 2017 20:36 Rispondi
  • Eccezionale! Da quando la uso i giorni del ciclo è come non averlo.

    mgscapellati@gmail.com' Marta 6 marzo 2017 13:18 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *