Come vestirsi dopo il parto

Scritto da

Si sa che dopo il parto tutte le attenzioni sono per il neonato, ma questo non deve assolutamente essere un alibi per trascurare la cura di noi stesse e sentirsi belle.
Anche perché per i primi mesi potreste assaporare alla lontana quello che provano i vip: non appena uscite di casa per andare a prendere il pane, ci saranno sempre almeno un paio di persone che vi fermeranno chiedendovi di guardare il bambino. E, ad ogni modo, in nessun caso vi dovrete sentire fuori posto.

Fra i tanti dubbi che assalgono una neomamma, vien naturale chiedersi: come vestirsi dopo il parto?
Per quanto riguarda il colore, il nero è sempre molto in voga per via del suo potere snellente, ma non basta da solo e, soprattutto, non deve diventare un imperativo. Oltre al colore, bisogna anche saper scegliere i vestiti giusti, come un classico tubino con le pieghe o, visto che arriva l’estate, un abitino morbido sul seno e largo nella parte bassa.

Abiti lunghi e casacche (abbinate con jeans o anche leggins) sono sempre consigliati per via dell’ampiezza delle loro linee che non evidenziano ancora le rotondità post partum: puntate sulla morbidezza dei vestiti, sugli effetti vedo-non vedo dei foulard e bandite – almeno per le prime settimane – canotte e top corti.
Perfetti per distogliere lo sguardo dai piccoli difetti saranno inoltre gli accessori, come orecchini e collane.

Fra il passeggino da portare in giro e le mille cose da fare, scommetto che avete fatto incetta di sneakers e ballerine: attente a non esagerare! Infatti, saranno comode, ma non slanciano certo la figura come una scarpa con il tacco: anche senza puntare sul tacco 12, potete sicuramente puntare su un tacco intermedio, che snellisce senza affaticare le nostre gambe.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Abbigliamento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *