Come tranquillizzare i bambini in auto

Scritto da
come tranquillizzare i bambini in auto

C’è poco da fare: i bambini in auto si annoiano soprattutto se il viaggio si prospetta lungo. Chiedono in continuazione quanto manca all’arrivo, sono inquieti e non vogliono stare seduti nei loro appositi seggiolini. Le mamme spesso non sanno più che inventarsi per far arrivare la famiglia indenne fino a destinazione e ricorrono a diverse strategie. Vediamo assieme come intrattenere i bambini e farli stare tranquilli più a lungo possibile.

Strategie per tranquillizzare i bambini in auto

Il gioco delle targhe funziona bene con i bambini un po’ più grandi che già conoscono bene sia l’alfabeto che i numero. Invitateli a formare dei nomi con le iniziali delle targhe che ci sfrecciano accanto oppure, in alternativa, a cercare le iniziali sia del proprio nome che del cognome. Ovviamente la sfida si fa più avvincente se i bambini in auto sono almeno due. Vince chi trova per primo le parole da formare.

Un altro gioco divertente che si può fare tutti assieme in auto è quello di individuare alcune parole pronunciate frequentemente dagli speaker radiofonici come “canzone”, “musica”, “cantante” etc. Vi basterà accendere l’autoradio e ascoltare assieme ai figli uno dei tanti programmi. Anche in questo caso vince chi sente per primo la parola magica.

L’orario migliore per viaggiare in auto con i bambini

Se i vostri figli amano sfogliare e leggere libri, prima di mettervi al volante procuratevene qualcuno nuovo degno del loro interesse. Trascorreranno molto tempo guardando pagine non ancora viste né lette e i tempi del viaggio sembreranno accorciarsi come per magia almeno per loro.

L’orario migliore per partire assieme ai bambini è dopo pranzo in modo che parte del viaggio trascorra durante la fase del rituale riposino pomeridiano. Appena i bambini si svegliano iniziate a proporre qualche CD che a loro piace particolarmente con Cristina d’Avena ma anche Katy Perry, Lady Gaga o altri cantanti amati dal vostro cucciolo d’uomo.

Categorie dell'articolo:
Ho un bimbo

Commenti

Lascia un Commento