Come educare i bambini ad essere generosi

Scritto da
bambini generosi

Ad essere gentili e generosi con le altre persone si impara fin da piccoli. Sicuramente la generosità non è una di quelle virtù innate che si hanno durante l’infanzia perché i bambini, soprattutto quelli piccoli, sono tendenzialmente egoisti e prepotenti. Secondo la loro visione della realtà, tutto il mondo ruota attorno a sé.

Bambini, come educarli ad essere generosi?

È necessario dunque educarli alla generosità e alla condivisione per non crescere figli egocentrici, dispotici e prepotenti. Ecco a voi qualche consiglio da mettere in pratica subito per educare i vostri bambini fin dalla tenera età alla condivisione e allo scambio.

Per prima cosa aiutate il bambino a regalare qualcosa di suo ai bambini che ne hanno bisogno. Solitamente i figli hanno a disposizione un gran numero di giocattoli. Organizzate una sorta di gioco con il vostro bambino: ogni mese dovrà privarsi di un giocattolo e metterlo in uno scatolone. Quando quest’ultimo sarà pieno, portatelo assieme a lui a un ente benefico, a un bambino che si trova in una situazione disagiata oppure in un altro posto a vostra scelta dove ci sia la reale necessità di avere giochi. Il bambino apprenderà il senso del dono e si sentirà gratificato per aver fatto qualcosa di utile e importante.

Bambini generosi, l’esempio viene dai genitori

I bambini imitano quello che vedono fare dai genitori. Condividete con loro quello che state mangiando o bevendo affinché vi imitino quando sono in compagnia degli amichetti. Chiedete loro anche di farvi assaggiare quello che sta mangiando: un pezzettino di focaccia, di biscotto o qualcos’altro. Si tratta di un gesto simbolico che lo aiuterà a comprendere meglio il significato e l’importanza della condivisione.

Infine abituate il vostro bambino ad aiutare chi è in difficoltà mostrandovi propensi a dare sempre una mano a tutti. Il buon esempio è l’unico modo possibile per rendere il vostro bambino generoso e ben disposto nell’aiuto verso le altre persone.

Categorie dell'articolo:
Educazione/psicologia

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *