Come addormentare un neonato: rimedi (quasi) infallibili

Scritto da
sonno neonato

I neonati sono in grado di alternare in maniera autonoma ed efficiente i periodi di sonno e quelli di veglia. A volte faticano ad addormentarsi e i genitori possono intervenire per aiutarlo con qualche semplice stratagemma da mettere in atto all’occorrenza… Vediamo assieme come rendere il momento della nanna una passeggiata!

I neonati e l’inquietudine

I neonati hanno la capacità di addormentarsi in qualsiasi situazione: in auto, in casa di amici durante una cena rumorosa e nel caos cittadino. A volte però appaiono particolarmente irrequieti magari perché non stanno bene o perché in qualche modo avvertono un disagio che gli provoca ansia.

Per addormentare un neonato che ha delle difficoltà a farlo da solo, si possono adottare dei piccoli stratagemmi. È importante scegliere un luogo più tranquillo degli altri per farlo meglio rilassare e controllare che la temperatura ambientale non sia ne’ troppo elevata ne’ troppo bassa.

Metodi per far addormentare i neonati

Se il vostro bambino si addormenta solamente in braccio probabilmente ha un estremo bisogno di contatto fisico e di sentirsi ben protetto da un adulto. Cullatelo un po’ per fargli prendere sonno: anche se non si addormenterà subito si rasserenerà. Se il neonato non dorme di notte dovrete avere un po’ di pazienza. Avrà bisogno di qualche giorno in più per familiarizzare con un ambiente differente da quello dell’utero materno. 

Una buona tecnica per far addormentare il neonato è quella che prevede l’avvolgerlo nelle fasce come avveniva abitualmente fino a non troppi decenni fa. Sentendosi più contenuto nei movimenti il bambino si sentirà anche più sicuro e faticherà meno a prendere sonno.

Fategli ascoltare anche un po’ di musica a basso volume molto rilassante: potete optare per delle ninna nanne da bambini, musica da camera o delle canzoni molto soft. Spegnete poi la musica quando siete sicuri che il bambino dorma profondamente altrimenti potrebbe svegliarsi all’improvviso.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Nanna

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *