Colestasi intraepatica gravidica: la storia di una mamma

Scritto da
Colestasi intraepatica gravidica

Christina DePino è una neomamma felice di poter raccontare la sua brutta avventura e di poter aiutare alcune mamme in dolce attesa. 

Verso la fine della sua gravidanza infatti ha cominciato a sentire un prurito davvero insopportabile: “Il prurito era così intenso da svegliarmi e poi non riuscivo a tornare a letto. Le mie braccia e le mie gambe erano tutte graffiate e sanguinavano a causa del mio incontrollato bisogno di grattarmi”. Queste le parole della donna in un’intervista. 

La richiesta di aiuto della donna su Facebook

Inizialmente non aveva dato peso a questi sintomi, pensava che fossero dovuti a un cambio di clima, dato che aveva traslocato di recente, ma stanca di tutto scrive un post su Facebook, lamentandosi della sua condizione e chiedendo se qualcuno sapesse cosa poteva essere o come potesse avere un po’ di sollievo.

Non si sarebbe mai aspettata che questo post le avrebbe salvato la vita: una coppia di amici ha commentato che dai sintomi sembrava essere colestasi intraepatica gravidica, una grave patologia che colpisce soltanto durante la gravidanza. La sintomatologia presenta un forte prurito che parte da mani e piedi e che si diffonde, in seguito, in tutte le parti del corpo.

La diagnosi della colestasi intraepatica gravidica

La donna ha contattato il suo medico che le ha fatto svolgere alcuni controlli e le ha confermato la diagnosi.

Le complicazioni che la colestasi può portare ai bambini sono molto serie se non irreversibili: il bambino può nascere prematuro con distress respiratorio e addirittura può avvenire la morte intrauterina del feto.

Così la donna, in piena consapevolezza dei rischi, ha deciso di far nascere la sua bambina pretermine. La bambina è nata sanissima e oggi mamma, papà e piccolina possono godere della loro nuova vita insieme. 

La donna, felice della sua condizione, ha scritto un post su Facebook per aiutare le altre mamme: “Se sei incinta e hai un prurito davvero insopportabile, non ignorarlo”, poi continua raccontando la sua storia. Il post è diventato virale ed ha avuto più di 13 mila reazioni e 27 mila condivisioni.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Disturbi · Gravidanza

Commenti

  • Ci sono passata, grazie a Dio anche la mia bimba è salva

    Veronica Garau Veronica Garau 22 maggio 2017 11:04 Rispondi
  • Presente
    La mia bimba nata 2 mesi fa sanissima e…a due mesi dal parto sono ancora in ballo con la Colestasi:(

    Cristina Fujiko Monaco Cristina Fujiko Monaco 22 maggio 2017 11:16 Rispondi
  • Anche io ho avuto questo insopportabile e tremendo problema . Il mio bimbo è nato a 36 settimane ed è andato tutto bene,io ancora dopo 5 mesi dal parto non me la sono tolta…analisi sopra analisi speriamo che si risolva intanto l’importante è che i nostri bimbi stiano bene ❣️

    Samantha Caporalini Samantha Caporalini 22 maggio 2017 11:18 Rispondi
  • A me fortunatamente è passata subito dopo il parto con induzione alla 37esima ma è stata una gravidanza da incubo con ricovero di due mesi all’ospedale e terapia x coleastasi!

    Alessia Belardinelli Alessia Belardinelli 22 maggio 2017 14:44 Rispondi
  • È bruttissimo a me è passato appena partorito

    Anna Utano Anna Utano 22 maggio 2017 18:59 Rispondi
  • Anche io ho avuto questo problema!
    Mi hanno indotto il parto alla 37 settimana è andato tutto bene!
    La mia principessa
    adesso ha 4 mesi e mezzo
    Il prurito mi è sparito subito dopo il parto!

    Elena Pradelli Elena Pradelli 22 maggio 2017 19:02 Rispondi
  • Anch’io l ho avuto infatti ricovero immediato e induzione a 39 settimane …tutto molto traumatico ma ormai è passato…l unica cosa che mi preoccupa è il fatto che dicono che possa riaccadere in una prossima gravidanza

    Donatella Marongiu Donatella Marongiu 22 maggio 2017 22:36 Rispondi
  • Avuta anche io, per fortuna è andato tutto bene con induzione alla 38°settimana, la mia ginecologa per fortuna è stata tempestiva appena le ho detto del leggero prurito che io sottovalutavo, esperienza orribile, tra ricoveri vari e la paura delle conseguenze per fortuna non accadute. Ho paura anche io che possa succedere in una seconda gravidanza dato che è molto probabile che riaccada a causa degli estrogeni elevatissimi in gravidanza ovviamente…

    Barbara Di Rende Barbara Di Rende 22 maggio 2017 23:24 Rispondi
    • Magari sei fortunata e nella futura gravidanza non appare.io con la prima ero asintomatica(scoperta per puro caso) e nella seconda non l’ho avuta.

      Iulian Mihaela Iulian Mihaela 22 maggio 2017 23:46 Rispondi
  • Anche io l’ho avuta ma ho partorito a Termine tenendo sotto controllo i valori

    Samantha Caporalini come fai ad accorgerti che c’è l’hai ancora? Hai ancora sintomi o hai gli acidi sballati?

    Valentina Alasia Valentina Alasia 22 maggio 2017 23:25 Rispondi
  • Fate però attenzione a me prudeva SOLO la pancia e nemmeno tantissimo tutti mi dicevano che era la pelle! Fatevi controllare gli acidi biliari è un prelievo e vi togliete il problema

    Valentina Alasia Valentina Alasia 22 maggio 2017 23:27 Rispondi
  • Scusate.. attraverso quali esami può essere diagnosticata questa patologia? I valori epatici del sangue?

    Marianna Garzia Marianna Garzia 23 maggio 2017 9:58 Rispondi
  • Anche io ho avuto il prurito intorno al settimo mese di gravidanza… dopo varie analisi, abbiamo scoperto che era fortunatamente la crema Rilastil (che la usavo già da 2 mesi senza alcun problema)che mettevo 2 volte al dì… poi appena smesso di usarla il prurito è passato ed allora in avanti ho usato solo olio di mandorle biologico… a me è andata diversamente… infatti ho partorito a 39 settimane +3 con parto naturale…

    Bianca Dello Russo Bianca Dello Russo 23 maggio 2017 15:40 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *