Cefalea: i rimedi naturali in gravidanza e allattamento

Scritto da

Fastidiosa, micidiale, insopportabile: la cefalea è uno dei disturbi più “disturbanti” con cui possiamo trovarci a fare i conti. Ora, se già normalmente non bisogna eccedere con gli antidolorifici, durante la gravidanza e l’allattamento è necessario fare ancora più attenzione. Quali sono quindi i rimedi naturali a cui si può ricorrere? Ecco i migliori.

Impacchi freddi: se il mal di testa è da stress, applicate una garza bagnata con acqua sulla fronte, lo scambio di temperatura migliorerà la situazione.

Respirazione: partendo dall’addome, iniziate ad inspirare ed espirare profondamente, per combattere la tensione.

Digitopressione: esercitate una leggera pressione, utilizzando i pollici, sulla zona che si trova sotto le sporgenze ossee della nuca.

Luce: spegnete quelle troppo forti, che peggioreranno il vostro mal di testa. In estate uscite sempre con gli occhiali da sole.

Sport: una leggera attività sportiva migliora il mal di testa.

Sonno: regalatevi una sana dormita supine. Altre posizioni possono peggiorare il mal di testa, soprattutto se state scomode e  l’afflusso di sangue si fa più difficoltoso.

Cibo: questo è un capitolo importante per chi soffre di cefalea. Infatti è importante consumare alimenti ricchi di vitamina C, e assumere tanti alimenti che contengono antiossidanti, come ad esempio frutta e verdura. Bevete molta acqua e molte tisane, prediligendo camomilla, valeriana, melissa, che tolgono lo stress. Fate attenzione a mangiare i cibi molto freddi: infatti con ghiaccioli e gelati il palato ha un colpo di freddo che può far partire il mal di testa. Se potete, regalatevi un caffè appena iniziano i sintomi, per renderli più leggeri.

Siate regolari nel pranzare e cenare sempre alla stessa ora. Cercate infine di farvi una bella risata, anche se non ne avete voglia: il corpo non distingue infatti tra risata vera e risata forzata, e questo abbasserà i livelli di tensione e stress dell’organismo, migliorando la situazione.

Condividi il post:

Tags dell'articolo:
·
Categorie dell'articolo:
Gravidanza

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *