Abbracci di coppia: cosa fare quando i bambini protestano!

Scritto da
figlio geloso compagno

Può capitare che un bambino sia particolarmente geloso dei genitori e non voglia vederli baciare oppure avvicinarsi troppo. Vediamo assieme come affrontare la situazione più comune di quanto si possa pensare.

Gli abbracci di coppia che scatenano gelosia nei figli

Ci sono genitori che hanno a che fare con un figlio o una figlia che si arrabbia non appena il padre o la madre si avvicina al consorte. Spesso il bambino tenta di mettersi in mezzo, dimostra un grande fastidio e se le sue proteste non vengono ascoltate inizia a innervosirsi. Questo modo di attuare interessa sia i bambini molto piccoli che quelli un po’ più grandi fino addirittura ai dieci anni d’età. 

L’importante è non mostrarsi preoccupati o visibilmente agitati per non trasmettere ansia ai figli ma bensì attivare comunque alcuni accorgimenti che, poco a poco, consentiranno al bambino di tranquillizzarsi e non essere così geloso delle attenzioni scambiate fra i genitori.

Gelosia del bambino: cosa fare

Le manifestazioni di gelosia del bambino nei confronti dei genitori possono essere tante e diverse fra di loro. Ad esempio tuo figlio potrebbe provarvi a separare quando vi baciate, fermare qualsiasi conversazione intromettendosi, spingere uno dei due nel tentativo di allontanare i due soggetti oppure iniziare a piangere o a dire frasi del tipo “La mamma è mia!”.

Se avete notato uno o più comportamenti paragonabili a quelli appena elencati non ridete.

La gelosia è un sentimento e bisogna averne rispetto perché se la ridicolizzate, potreste peggiorare la situazione.

Non sgridatelo né arrabbiatevi: è il modo che ha per attirare la vostra attenzione.

Cercate sempre di rassicurarlo magari coinvolgendolo nell’abbraccio o nella conversazione. I bambini temono di essere esclusi dalla relazione fra i genitori: coccolateli molto senza temere di farli poi diventare viziati. Le coccole non hanno niente a che fare con i vizi ma permettono ai figli di crescere con una buona autostima e la certezza di essere sempre amati in ogni momento.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Educazione/psicologia

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *