Abbigliamento neonati griffato: la moda arriva dappertutto

Scritto da
Abbigliamento neonati griffato

Diciamoci la verità, i capi griffati per neonati sono sempre esistiti, ma negli ultimi tempi il mondo della moda, intesa come stile di vita, si sta imponendo anche sulle vite dei bambini.  È giusto, già da neonati, renderli schiavi del mondo dell’immagine? 

Piccoli ma già grandi: l’abbigliamento neonati griffato

Una volta c’erano i vestiti della domenica, quelli un po’ più belli e leziosi per le bambine, un po’ più seriosi per i maschietti, accompagnati dagli immancabili sandalini unisex con due buchi sul davanti, che sono stati l’incubo di intere generazioni. 

Adesso è sempre domenica, almeno per quanto riguarda la moda per bambini che, già da neonati, vengono vestiti come mini adulti. Nei negozi specializzati, quelli per bambini da 0 a 2 anni, non è raro trovare mini repliche di abiti per adulti; e non è così difficile neanche vedere bimbi di pochi mesi utilizzati come modelli, abbigliati con capi sì ricercati e di classe, ma non certo comodi. 

Il desiderio di vedere il proprio bimbo o la propria bimba indossare qualcosa di carino ha lasciato posto alla corsa spasmodica alla moda del momento, per essere sempre trendy. Un desiderio un po’ egoista, dal momento che le priorità di un neonato sono mangiare e dormire, non di certo guardarsi allo specchio e scattarsi dei selfie. 

L’abbigliamento giusto per i neonati 

Non è sbagliato voler vedere i propri bimbi vestiti con abiti carini, ma si dovrebbero sempre avere ben chiare quali sono le esigenze di un neonato.

Quando si acquista un capo di abbigliamento per un neonato, la prima cosa da prendere in considerazione è la comodità, sia per lui, perché si possa muovere in totale libertà e non si senta costretto, sia per i genitori, che non devono impazzire al momento del cambio, o avere paura di sporcare un capo costosissimo (i bambini piccoli vomitano latte, sbavano e fanno tanta cacca, non dimenticatelo!). 

La seconda sono i materiali, che devono essere naturali e traspiranti: il migliore, ovviamente, è il cotone

Se non si vuole rinunciare al capo di marca, l’importante è affidarsi ad aziende specializzate, attente alla qualità dei materiali e alla comodità dei bambini, ma che sanno buttare un occhio anche all’eleganza.

Condividi il post:
Categorie dell'articolo:
Abbigliamento

Commenti

  • Io preferisco vestirla comoda e pronta per sporcarsi andando a terra.. Cosi crescono i bambini! Se volete potete vedtirli in ghingheri a qualche festa!

    Valeria Pianta Valeria Pianta 26 agosto 2017 23:45 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *